Concorso DSGA, prove scritte 5-6 novembre saranno cartacee. Nota Miur

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Le due prove scritte del concorso DSGA, che si terranno nei giorni 5 e 6 novembre, si svolgeranno in modalità cartacea. Le indicazioni del Miur.

Prove cartacee

Il Miur ha inviato alle scuole la nota n. 2462 del 02/10/2019, con la quale fornisce indicazioni in merito alla nomina dei referenti di sede delle istituzioni scolastiche e alle modalità di funzionamento del Plico Telematico per l’invio delle tracce delle prove scritte che si svolgeranno, dunque, in modalità cartacea.

Il sistema adottato è in pratica analogo a quello utilizzato per gli esami di Stato della scuola secondaria di II grado.

Ciascuna scuola deve nominare e comunicare al Miur, tramite SIDI, tanti referenti di sede (referente Plico telematico) quante sono le sedi della scuola, in cui si svolgono fisicamente gli esami.

Il referente di sede, abilitato a gestire il Plico telematico, accede, dal 30 ottobre al 4 novembre 2019 alle ore 14:00, alla funzione SIDI che consente di scaricare il “Plico telematico” contenente le prove d’esame criptate.

Per decifrare il contenuto del Plico sarà necessaria un’ulteriore chiave, detta Chiave Ministero, distinta tra prima e seconda prova, resa disponibile solo la mattina della relativa prova scritta, e grazie alla quale sarà possibile visualizzare il testo della prova selezionata.

In ciascuna mattina del 5 e 6 novembre 2019, prima dell’ora fissata per l’inizio della prova (alle ore 10,00), i presidenti di commissione (o rispettivi delegati) si recano nel luogo in cui è stata allestita la postazione di lavoro dedicata al Plico telematico. Sarà poi compito del referente di sede “attivare” l’applicazione, utilizzando il Codice Utente e la Password comunicate durante il download dell’applicazione stessa.

Per la decriptazione dei testi, il presidente di commissione e il referente di sede dovranno inserire la Chiave Ministero, comunicata tramite appositi canali da parte del MIUR alle ore 10,00 di ciascuna prova d’esame.

L’inserimento della suddetta Chiave permetterà l’apertura e la corretta
visualizzazione della prova selezionata.

Una volta selezionata la prova e inserita la Chiave Ministero, occorre cliccare il pulsante Apri o Salva per stampare la prova.

La nota Miur del 2 ottobre 2019

Caratteristiche prove

Le prove dureranno ciascuna 180 minuti.

Queste le prove:

  • una prova costituita da sei domande a risposta aperta, volta a verificare la preparazione dei candidati sugli argomenti di cui all’Allegato B del DM 863/2018;
  • una prova teorico-pratica, consistente nella risoluzione di un caso concreto attraverso la redazione di un atto su un argomento di cui all’Allegato B del DM 863/2018.

Per la prova consistente nelle 6 domande a risposta aperta, la commissione assegna un punteggio da 0 a 5 punti per ciascuna risposta esatta. Per la prova di carattere  teorico-pratico, la commissione assegna un punteggio da 0 a 30 punti.

La commissione procede prima alla correzione delle sei domande a risposta aperta; nel caso in cui il candidato non raggiunga il punteggio minimo di 21 punti, non procede alla correzione della prova di carattere teorico-pratico.

La prova è superata se si consegue un punteggio di almeno 21/30 in ciascuna delle due prove.

Il voto finale delle due prove:

– è unico

– può essere di 30 punti al massimo

– deriva della media aritmetica dei risultati conseguiti nelle due prove

La prova sarà corretta sulla base di una griglia elaborata dal comitato tecnico-scientifico che predisporrà le prove. La griglia sarà pubblicata sul sito del Miur prima dell’espletamento della prova medesima.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione