Concorso DSGA, per facenti funzioni mobilità professionale. Lettera

WhatsApp
Telegram
ex

Inviata da Michele Molise – Spett.Le Redazione e.p.c Illustre Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Mi chiamo Michele Molise ho preso atto delle innumerevoli posizioni nei confronti della Bozza del decreto per il concorso DSGA.

Premetto che sono un facente funzione da 7 anni e 12 da assistente amministrativo con 2^ posizione economica, ho conseguito una Laurea in Economia e Commercio di primo livello da lavoratore, tutto questo con grandissimo sacrificio.

Ho letto la bozza del decreto il primo pensiero è stato tutti questi anni sono stati inutili e il sacrificio svolto non porterà nessun beneficio.

Di solito sia nelle aziende private che in quelle pubbliche al personale che dimostra competenze e svolge incarichi superiori per una durata considerevole si trova una forma contrattuale corretta al fine di regolarizzare il rapporto di lavoro, questo per noi facenti funzioni non accadrà.

La cosa che mi rammarica è il motivo di non riconoscere il nostro lavoro, in questi anni si è garantito il funzionamento di numerosi Istituti Scolastici, si parla di circa 600 facenti funzioni a livello nazionale forse non siamo un numero così elevato per il quale il Ministero dia un attenzione.

Mi sono permesso di fare due calcoli:

600 facenti funzioni hanno gestito a livello amministrativo circa:

-150 tra personale docente e Ata;

-1000 alunni per istituto.

Per un complessivo di circa 690.000 soggetti, senza contare genitori, fornitori ecc.

La complessità e le materie richieste non agevolano noi facenti funzioni, considerato che attualmente stiamo svolgendo il nostro dovere di amministratori con orari di lavoro considerevoli.

L’ età media di noi sostituti DSGA e di circa 48 anni, se non oltre, dovremmo confrontarci in un concorso con neo laureati o veterani dei pubblici concorsi.

Non pretendo nessuna agevolazione, chiedo che vengano tenuti in considerazione il parere del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione e l’applicazione del DECRETO LEGISLATIVO 30 marzo 2001, n. 165 art.35 c.3bis.

Pertanto di ripristinare la mobilità professionale.

Certo di Una Vostra considerazione porgo i più cordiali saluti.

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito