Concorso DSGA in Lombardia: ammessi 207, posti a bando 600. Comitato “tutti incapaci? Inviare ispettori”

Pubblicati i risultati da parte dell’USR Lombardia della prova scritta per direttore dei servizi generali e amministrativi (DSGA) nelle scuole.

A fronte di circa 1100 candidati, gli ammessi agli orali sono stati 207, sebbene i posti messi a disposizione dal bando di concorso fossero circa 600 (451, più una quota di idonei equivalente al 30%). In sostanza, circa il 16% dei concorrenti ha superato le prove scritte, con la conseguenza che le assunzioni saranno significativamente inferiori rispetto alle carenze di organico relative alla figura di DSGA.

Il Comitato DSGA Lombardia però vuole vederci chiaro e si chiede, in un comunicato diffuso alla stampa, “come sia possibile che circa 900 persone, preparate e motivate, le quali hanno avuto il merito di superare una prova preselettiva particolarmente impegnativa, dedite allo studio per la preparazione di questo concorso da circa un anno, abbiano consegnato elaborati così scadenti da non meritare nemmeno la sufficienza.

Possibile – si chiedono – che tutti gli incapaci concorressero in Lombardia? È una domanda legittima, considerate le percentuali di ammessi nelle altre regioni, nettamente più alte.

Per tali motivi, il comitato ha chiesto che vengano inviati degli Ispettori per comprendere quanto accaduto, soprattutto a seguito di alcune interrogazioni parlamentari presentate dalla politica.

Lo si deve – scrivono – alla dedizione personale e di natura economica, di centinaia di candidati e, soprattutto, al rispetto dei valori di meritocrazia e trasparenza che dovrebbero contraddistinguere l’accesso al pubblico impiego.

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia