Concorso DSGA. Anquap: caduto nel dimenticatoio. Quali i titoli di accesso

di redazione
ipsef

item-thumbnail

L’Anquap, l’Associazione Nazionale Quadri delle Amministrazioni Pubbliche punta il dito contro il ritardo nell’emanazione del concorso per DSGA.

“In questa situazione di stallo – afferma l’ANQUAP – si innesta il concorso per i Direttori SGA, autorizzato dalla Legge di Bilancio 2018 entrata in vigore lo scorso 1° gennaio, di cui non si ha notizia alcuna. “È bene ricordare – conclude Germani – che i posti vacanti e disponibili per il ruolo dei Direttori SGA saranno circa 2.400 a partire dal 1° settembre 2018: un numero esorbitante che porrà in seria difficoltà l’attività amministrativa delle scuole, anche in considerazione di altrettante “vacanze” nel ruolo dei Dirigenti scolastici. È doveroso che pur in assenza di un Governo e di Ministri nella pienezza dei propri poteri i vertici della burocrazia ministeriale diano corso a precisi adempimenti di legge e di contratto”.

Secondo le ultime notizie, l’unico tassello mancante erano i numeri relativi agli ultimi pensionamenti, per determinare il numero esatto di posti da mettere a concorso. La situazione politica di stallo sembra però aver influito negativamente anche sugli affari correnti.

I titoli d’accesso al concorso sono quelli indicati nella tabella B allegata al CCNL:

  • diploma di laurea in giurisprudenza, scienze politiche, sociali o amministrative, economia e commercio;
  • diplomi di laurea specialistica (LS) 22, 64, 71, 84, 90 e 91;
  • lauree magistrali (LM) corrispondenti a quelle specialistiche ai sensi della tabella allegata al D.I. 9 luglio 2009.

Oltre al personale in possesso dei suddetti titoli, possono partecipare, in deroga agli stessi, gli assistenti amministrativi che, alla data di entrata in vigore della legge di Bilancio (01/01/2018), hanno maturato almeno tre anni interi  di servizio negli ultimi otto nelle mansioni di direttore dei servizi generali ed amministrativi.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione