Concorso docenti, TAR Lazio ammette educatori e diplomati Isef. Anief: concorso illegittimo

Stampa

Anief – Come annunciato mesi fa dal sindacato, il concorso a cattedra 2016 risulta illegittimo per la clamorosa esclusione di diverse categorie di docenti che avrebbero dovuto partecipare di diritto alla selezione pubblica. 

Anief – Come annunciato mesi fa dal sindacato, il concorso a cattedra 2016 risulta illegittimo per la clamorosa esclusione di diverse categorie di docenti che avrebbero dovuto partecipare di diritto alla selezione pubblica. 

Il Tribunale Amministrativo del Lazio ha infatti trasmesso ai legali del giovane sindacato un’altra comunicazione di accoglimento delle istanze cautelari, stavolta proposte in favore dei docentisia in possesso di diploma Isef sia del personale educativo illegittimamente escluso dalla possibilità di aspirare al ruolo per la scuola primaria. 

Marcello Pacifico (Anief-Cisal): il bando concorsuale è stato composto in modo superficiale. Per questo motivo, stiamo solo tutelando il diritto di tantidocenti precari a potersi sottoporre alle prove concorsuali, per conseguire, se lo meritano, l’aspirato contratto a tempo indeterminato o il giusto diritto almiglioramento della propria condizione professionale. Ora il Miur si adoperi per rispettare gli ordini del giudice e provveda a calendarizzare le provesuppletive.

Si allunga la lista delle categorie di candidati che potranno partecipare alconcorso al cattedra: dopo i docenti già di ruolo, circa 2 mila Insegnanti tecnico pratici, tutti coloro che avevano presentato domanda a Trento, ora è la volta dei diplomati Isef e degli educatori. Tutti, erano stati frettolosamente esclusi tramite unapprossimativo bando di concorso, pubblicato dal Miur. Un po’ alla volta, in tanti stanno per essere riabilitati grazie alle tesi sostenute, dinanzi aigiudici, dai legali dell’Anief.

Al personale educativo, per la prima volta ammesso alla procedura concorsuale per i ruoli della scuolaprimaria, è stato finalmente riconosciuto il loro giusto diritto alla luce della normativa primaria e della giurisprudenza, che equiparano a tutti glieffetti gli educatori, che operano principalmente nei Convitti statali, al personale docente della scuola primaria. Il Tar Lazio, infatti, ha accoltol’istanza cautelare, ritenendo che “l’abilitazione posseduta dal personale educativo debba considerarsi equipollente all’abilitazione all’insegnamento perla scuola primaria”.

Parimenti ammessi, con conferma di quanto già precedentemente ottenuto dal nostrosindacato, i docenti di ruolo. Le Ordinanze ottenute dai nostri legali, dunque, concedono in via cautelare lapossibilità agli iscritti Anief di partecipare con riserva alle procedure concorsuali. L’Amministrazione, ora, essendo già state espletate le provescritte per tutte le classi di concorso d’interesse dei ricorrenti, dovrà adoperarsi per calendarizzare delle prove suppletive riservate a tutte questecategorie di docenti che hanno ottenuto la partecipazione alle prove concorsuali.

“È una lunga battaglia quella che abbiamo deciso di intraprendere – commenta Marcello Pacifico, presidentenazionale Anief e segretario confederale Cisal – ma un passo alla volta stiamo ottenendo i risultati sperati. Lo abbiamo sempre detto: il concorso, è statorealizzato dal Miur in modo superficiale. E noi stiamo semplicemente tutelando il diritto di tanti docenti precari a potersi sottoporre alle proveconcorsuali, per conseguire, se lo meritano, l’aspirato contratto a tempo indeterminato o il giusto diritto al miglioramento della propria condizioneprofessionale. Ora il Ministero dell’Istruzione si adoperi per rispettare gli ordini del giudice e provveda a calendarizzare le prove suppletive”.

Per quanto riguarda, infine, le altre categorie di esclusi, che hanno presentato ricorso nei tempi e nellemodalità stabilite, Anief conferma che dovranno o aspettare una terza e diversa pronuncia del Consiglio di Stato entro quest’estate o la discussione nel meritodei ricorsi: si tratta, purtroppo, di una procedura dai tempi lunghi il cui iter potrebbe prevedere persino l’attesa di anni: l’obiettivo, anche per costoro, rimane l’indizione delleprove suppletive.

15 giugno 2016                                                           

Ufficio Stampa Anief                                                                                            

www.anief.org

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur