Concorso docenti secondaria, vincitori subito in ruolo. Quanto guadagneranno

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il nuovo sistema di accesso ai ruoli della scuola secondaria di primo e secondo grado, così come delineato nella legge di bilancio, introduce una modifica importantissima rispetto a quanto previsto originariamente dal D.lgs. 59/2017.

Ricordiamo come si articola il nuovo sistema, qual è la summenzionata novità e lo stipendio che percepiranno i neoassunti.

Sistema accesso ai ruoli della secondaria

Il sistema di formazione iniziale e accesso ai ruoli della scuola secondaria si articola in:

  • un concorso pubblico indetto su base regionale o interregionale
  • un percorso di formazione iniziale e prova
  • la conferma in ruolo, previa positiva valutazione del percorso di formazione iniziale e prova

Concorso, anno di formazione e prova e conferma in ruolo sono, dunque, gli step per poter diventare docente di ruolo nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

Sistema accesso ai ruoli della secondaria: la novità

La novità, di cui sopra, riguarda il fatto che i docenti vincitori di concorso entreranno subito in ruolo, mentre il testo originario del D.lgs. 59/2017 prevedeva 3 anni di formazione e poi l’assunzione a tempo indeterminato.

Al termine del periodo di formazione iniziale e prova, previo superamento del medesimo (che è ripetibile), i docenti in questione saranno confermati in ruolo.

Stipendio

I docenti assunti in ruolo avranno lo stipendio relativo al ruolo di appartenenza e alla fascia stipendiale 0-8.

Dopo il superamento dell’anno di prova, i docenti potranno presentare domanda di ricostruzione carriera per  essere inquadrati nella fascia stipendiale spettante in base agli anni di preruolo o di altro ruolo. Approfondisci

Concorso, immissione in ruolo e formazione: scheda di sintesi sul nuovo reclutamento

Versione stampabile
anief anief
soloformazione