Argomenti Chiedilo a Lalla

Tutti gli argomenti

Concorso docenti secondaria 2024, docenti di ruolo possono partecipare solo per l’abilitazione senza rinunciare al proprio posto?

WhatsApp
Telegram

I vincitori del concorso per l’accesso al ruolo della scuola secondaria, se privi di abilitazione, saranno assunti dapprima a tempo determinato, mentre il ruolo arriverà solo dopo il conseguimento dell’abilitazione.

Concorso

Ricordiamo che quello in corso di svolgimento è il primo dei due concorsi previsti nell’ambito della fase transitoria e dovrebbe terminare in tempo utile per le assunzioni a.s. 2024/25. Al concorso stanno partecipando sia i docenti in possesso dell’abilitazione per la classe di concorso di partecipazione sia i docenti che ne sono privi. Di seguito i requisiti richiesti:

  • posto comune: laurea coerente con la classe di concorso di partecipazione + abilitazione per la specifica classe di concorso oppure laurea + tre anni di servizio negli ultimi cinque, entro il termine di presentazione della domanda, svolti presso le scuole statali, anche non continuativi, di cui almeno uno specifico oppure laurea coerente con la classe di concorso di partecipazione + 24 CFU conseguiti entro il 31 ottobre 2022;
  • posto di ITPabilitazione specifica oppure diploma di accesso alla classe di concorso (il requisito sarà in vigore fino al 31 dicembre 2024);
  • posto di sostegno: possesso del diploma di specializzazione per il grado di istruzione di partecipazione.

Prove e graduatoria

Il concorso, come leggiamo nell’articolo 4 del DM 205/2023, si articola in:

  • prova scritta (si supera con un punteggio minimo di 70/100)
  • prova orale (si supera con un punteggio minimo di 70/100)
  • valutazione dei titoli (per i quali è previsto un punteggio massimo di 50 punti)

I docenti vincitori, ossia coloro i quali superano le previste prove e rientrano nel numero dei posti messi a bando, entrano nelle graduatoria di merito con il punteggio derivante dalla somma dei punteggi conseguiti nella prova scritta, nella prova orale e nella valutazione dei titoli. Nella medesima graduatoria da cui si attingerà per le assunzioni saranno graduati i vincitori sia abilitati che non.

Assunzione

I vincitori del concorso in possesso dell’abilitazione, al loro turno di nomina, saranno assunti direttamente a tempo indeterminato. E quelli non abilitati? La riposta è fornita dall’articolo 3/7 del DM 205/2024, che disciplina il concorso in esame nonché quelli successivi e ove leggiamo quanto segue:

  • All’esito della procedura, ai candidati privi del titolo di abilitazione sulla specifica classe di concorso si applica quanto previsto dall’articolo 13, comma 2, e dall’articolo 18-bis, comma 4, del Decreto Legislativo…

Dunque, ai vincitori di concorso non abilitati (ossia coloro che partecipano in virtù del servizio prestato o con il requisito laurea + 24 CFU conseguiti entro il 31/10/2022) si applicano le disposizioni di cui:

  1. all’articolo 13/2 del D.lgs. 59/17, riguardante i docenti vincitori che hanno partecipato con il requisito laurea + tre anni scolastici di servizio, anche non continuativi, presso le scuole statali, negli ultimi cinque, di cui almeno uno nella specifica classe di concorso o tipologia di posto per la quale si concorre. Il citato articolo 13/2 prevede per i docenti in esame la sottoscrizione di un contratto annuale di supplenza con l’USR cui afferisce la scuola scelta e l’acquisizione di 30 CFU/CFA tra quelli che compongono il percorso universitario e accademico di formazione iniziale. Conseguita l’abilitazione, a seguito del superamento della prova finale del predetto percorso, i docenti sono assunti a tempo indeterminato e sottoposti al periodo annuale di prova in servizio. La prova finale si può sostenere al massimo due volte;
  2. all’18-bis/4 del D.lgs. 59/2017, riguardante i docenti vincitori che hanno partecipato con il requisito laurea + 24 CFU conseguiti entro il 31/10/2022. Il citato articolo 18-bis/4, per i docenti in questione, prevede la stipula di un contratto annuale di supplenza con l’USR cui afferisce la scuola scelta e il conseguimento di 36 CFU/CFA per il completamento del percorso universitario e accademico di formazione iniziale. Conseguita l’abilitazione, a seguito del superamento della prova finale del predetto percorso, i docenti sono assunti a tempo indeterminato e sottoposti al periodo annuale di prova in servizio. La prova finale si può sostenere al massimo due volte.

In sostanza, i vincitori di concorso non abilitati non saranno assunti subito in ruolo, ma lo saranno dopo il conseguimento dell’abilitazione, tramite la frequenza dei summenzionati percorsi. Questi ultimi, come leggiamo nella Nota-MUR-06.11.2023-nr.21328, saranno attivati nell’a.a. 2024/25.

Quesito

Così chiede una nostra lettrice:

Mi sono iscritta al concorso per la classe A019, anche se sto ultimando l’anno di prova per la A018 (sono entrata in ruolo da questo a.s. per aver vinto il concorso ordinario 2020). Vorrei sapere cosa succederà se dovessi superare anche l’orale. Potrò rimanere abilitata in entrambe le cattedre? Potrò continuare con la A018 e utilizzare l’altra cattedra solo se mi dovesse servire per avvicinarmi a casa, senza perdere il ruolo nella A018? In sintesi, potrà essere un’aggiunta senza diventare una perdita?

Come si evince da quanto sopra illustrato, il concorso in esame non è abilitante. Infatti, diversamente dai concorsi abilitanti, non è previsto il conseguimento dell’abilitazione superando le previste prove, ma solo al termine del previsto percorso. La lettrice, pertanto, vincendo il concorso, nel momento in cui sarà individuata per l’assunzione, intraprenderà il percorso che la condurrà al ruolo nella secondaria: contratto a tempo determinato al 31/08 (in quanto senza abilitazione); acquisizione dei 30 o 36 CFU/CFA (la lettrice dice soltanto che non è abilitata ma non specifica il requisito di partecipazione: laurea + 3 anni di servizio oppure laurea + 24 CFU entro il 31/10/22?) e conseguimento dell’abilitazione, a seguito del superamento della prova finale del percorso universitario; assunzione a tempo indeterminato e anno di prova.

Qualora non interessata al ruolo, dopo il superamento del percorso abilitante, la stessa potrebbe non accettare il nuovo ruolo e quindi restare in quello attuale (il vecchio ruolo, infatti, va lasciato solo prima di sottoscrivere eventualmente il nuovo). Abbiamo usato comunque il condizionale perché nel DM n. 205/2024 non è previsto nulla al riguardo.

Se interessata soltanto all’abilitazione la collega potrebbe pensare di intraprendere una “strada diversa”, ossia frequentare il percorso da 30 CFU previsto per i docenti già abilitati o specializzati su posto di sostegno, conseguire l’abilitazione ed eventualmente sfruttarla per avvicinarsi a casa tramite la mobilità.

Precisiamo infine che, qualora vincesse il concorso e quindi debba essere assunta con contratto a tempo determinato in attesa del conseguimento dell’abilitazione, la lettrice dovrebbe poter fruire dell’art. 47 del CCNL 2019/21, che contempla la possibilità per i docenti di ruolo di accettare un incarico di supplenza (al 30/06 e al 31/08 su posto intero) per altro grado/classe di concorso/tipologia di posto.

In tal modo, si permette di frequentare il percorso abilitante in vista dell’assunzione e mantenere il ruolo nell’incertezza del superamento o meno della prova conclusiva del predetto percorso universitario, superato il quale la lettrice sarà assunta in ruolo. Tale possibilità, ricordiamolo, è stata concessa dal MIM agli aspiranti di ruolo partecipanti alle procedure straordinarie degli ultimi anni (ultima quella da GPS sostegno 23/24), che hanno previsto assunzioni dapprima a tempo determinato e poi indeterminato.

Le risposte ai quesiti

È possibile inviare un quesito all’indirizzo [email protected] (non è assicurata risposta individuale ma la trattazione di tematiche generali).

WhatsApp
Telegram
Chiedilo a Lalla

Invia il tuo quesito a [email protected]
Le domande e le risposte saranno rese pubbliche, non si accettano richieste di anonimato o di consulenza privata.

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri