Concorso docenti prova scritta, attenzione al tasto “indietro”. Lettera

Stampa

Durante lo svolgimento delle prime prove del concorso scuola 2016, molti concorrenti hanno lamentato che l’interfaccia grafica del programma cancellava la risposta qualora l’utente premesse sul pulsante “indietro” per controllare la risposta precedente.

Durante lo svolgimento delle prime prove del concorso scuola 2016, molti concorrenti hanno lamentato che l’interfaccia grafica del programma cancellava la risposta qualora l’utente premesse sul pulsante “indietro” per controllare la risposta precedente.

Questo ai meno esperti di ingegneria del software potrebbe sembrare una casualità e persino imputare la colpa di tale azione a se stessi ma, questo è un vero e proprio errore nella programmazione e analisi del sistema. Un errore banale ma fondamentale per la compromissione della prova concorsuale. In fase di collaudo (se mai è stato fatto da parte del MIUR) tale errore sarebbe sicuramente uscito fuori e i progettisti avrebbero dovuto inibire, durante la stesura di una risposta, tutti i tasti tranne il tasto salva e solo dopo aver premuto il tasto salva i restanti tasti funzione avanti e dietro si sarebbero attivati. Quindi non è l’utente che sbaglia ma è il sistema che induce all’errore e ancor più grave è che avviene per una interfaccia in un concorso pubblico. Le buone regole di programmazione per una interfaccia grafica dovrebbero essere e sono:

  1. Familiarità per l’utente – l’utente non si deve adattare all’interfaccia ma viceversa.

  2. Minimizzare le sorprese – azioni simili devono condurre a risultati simili.

  3. recupero da errori – utenti commettono errori dunque è certamente utile avere a disposizione meccanismi per recuperare da errori commessi.

    1. Conferma di azioni pericolose

    2. rimozione di file fornire meccanismi di undo

Quindi non è sufficiente che la commissione o i vigilatori mettano in guardia i concorrenti delle cause della pressione del tasto “indietro” ma sarebbe necessario riprogrammare il software adeguatamente quindi inibire i tasti “indietro” “avanti” fin quando non si preme il tasto salva e ripetere questa combinazione di comandi appena viene scritta una nuova lettera.

Questo errore nel software potrebbe compromettere la prova del concorrente come già accaduto, infatti, esso dovrebbe riscrivere la risposta cancellata dal sistema.

Il MIUR quindi provvedere alla correzione immediata del codice del programma e ad istallare nuovamente il programma corretto sui computer prima delle prossime prove concorsuali.

Prof. Gianfranco Opramolla

Docente di informatica presso L’Istituto “M.P.Vitruvio” di Castellammare di Stabia (NA)  

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur