Concorso docenti, principali criticità: esiguità del tempo e complessità dei quesiti

Stampa

Il concorso docenti in atto continua a far discutere per le numerose bocciature, relativamente alle quali sono state indicate motivazioni diverse: dall’impreparazione dei candidati all’organizzazione del medesimo, dalla complessità dei quesiti all’esiguità del tempo a disposizione.

Si sono, inoltre, consolidate due posizioni contrapposte: da una lato i partecipanti e numerosi addetti ai lavori che attribuiscono il numero elevato di candidati fermati allo scritto alla complessità dei quesiti in relazione al tempo; dall’altro il Ministero e parte della stampa specializzata e non che attribuiscono le bocciature all’impreparazione dei candidati. L’Amministrazione, inoltre, ritiene il numero di bocciature in linea con quello che definiscono un concorso selettivo, finalizzato ad una selezione di qualità.

Un docente di lettere della provincia di Savona, Daniele Scarampi, che ha partecipato e superato lo scritto per l’AD04, ha raccontato la sua esperienza tramite un articolo su Treccani.it, in cui ha evidenziato le principali criticità riscontrate nelle prove scritte.

Il professore, tra le diverse criticità, ha posto l’accento su: esiguità del tempo a disposizione per realizzare, per ciascun quesito, un progettazione didattica; i disservizi dovuti principalmente al fatto di svolgere la prova al PC in strutture non pronte a risolvere i diversi problemi che si sono verificati (sovraccarico elettrico; molte tastiere, consumate dall’uso…).

Leggi l’articolo completo

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!