Concorso docenti Lombardia, prove Inglese: 177 posti banditi, 691 partecipanti, 63 ammessi. E’ possibile? Lettera

di redazione
ipsef

Gentile Redazione,

siamo un gruppo di insegnanti di lingua inglese che ha partecipato alle prove scritte del concorso a cattedraper la regione Lombardia.

In data 26 luglio l’Ufficio Scolastico Regionale ha pubblicato i tanto attesi esiti della provascritta da noi sostenuta in data 19 maggio 2016.

Gentile Redazione,

siamo un gruppo di insegnanti di lingua inglese che ha partecipato alle prove scritte del concorso a cattedraper la regione Lombardia.

In data 26 luglio l’Ufficio Scolastico Regionale ha pubblicato i tanto attesi esiti della provascritta da noi sostenuta in data 19 maggio 2016.

Una volta analizzato il file con i nominativi di coloro che erano stati ammessi alla prova orale, lo sconcerto: su 691 partecipanti per 177 posti messi a disposizione dal bando* solo 63 candidati hanno ottenuto un risultato sufficiente nella prova scritta.

Partiamo da una premessa che ci fa comodo ricordare ma che potremmo anche tralasciare perché bastano i numeri a farci venire leciti dubbi:  le procedure per la correzione sono state frettolose e confuse. Inizialmente (come letto su tutti igiornali) con il problema che non si reperivano commissari (si è detto perché malpagati), poi con la denuncia per la mancanza delle griglie di correzione (pubblicate dopoe non prima l’esame, procedura scorretta ed illegale) ed infine si temeva che non ci fossero i tempi per rispettare la scadenza del MIUR di avere una graduatoria finale entro 16 settembre 2016.

I dubbi sono tanti, eccone alcuni:

  1. Le prove, bisogna sottolinearlo, consistevano in 8 domande argomentative aperte in lingua inglese, quindi prevedevanoun tipo di correzione al 100% soggettiva che richiede molto tempo e molta attenzione, letture oculate e confronti tra le prove (chi ha fatto questomestiere lo sa…). I membri della commissione di inglese erano quattro (come si evince dal sito del MIUR**, i presidenti non correggono…) come hanno fatto a correggere e valutare 700 prove scritte in due mesi (due mesi esagerando…)?
  2. I numeri 

se alla fine del percorso servono 177 insegnanti di inglese si può optare per duestrade:

La prima: fare passare tutti i sufficienti e scremare successivamente  per arrivare a 177 (scrematura all’orale e per titoli), questa è la più corretta in assoluto e prevede delle riserve (del10% come previsto dal MIUR).

La seconda: fare passare una parte dei sufficienti tale da riuscire a “gestirli” nelle fasi successive e comunque arrivare a 177 (scrematura all’orale e per titoli). In altre regioni, si è verosimilmente optato per questo: sono infatti passati piu’ o meno tanti candidati quanti i postidisponibili (vedere tabella allegata, mi scusiamo per l’incompletezza). 

Mettiamo che ci sbagliamo. In questa ipotesi possibile le commissioni hanno corretto le 700 proveattenendosi con onestà ai criteri di valutazione. Come è possibile che solo in Lombardia meno del 10% dei candidati ha superato la prova con sufficienza?   Non vogliamo vantarci ma ricordiamo anche un’altra cosa: tutti i candidati, oltread insegnare (alcuni da molti anni) posseggono un titolo abilitante ottenuto tramite i percorsi previsti dal MIUR. Il bello di questo concorso era proprioche prevedeva la partecipazione esclusivamente di candidati con abilitazione e cioè formati secondo il nuovo percorso di reclutamento della Buona Scuola, diverso per contenuti e qualità: specializzazione sulla didattica, sulle scienze dell’educazione, certificazionidi conoscenza delle lingua, insomma finalmente un voltare pagina di cui andare finalmente fieri (non ne vanno fieri, secondo il parere di chi scrive, una parte della vecchiaguardia dei docenti che ha gridato allo scandalo pensando che questo concorso servisse per mandare a casa colleghi non abilitati).

Non è che per caso la pubblicazione diquesti esiti sia stato frutto dell’urgenza di sbrigarsi in tempo per il 16 settembre? Si riesce a fare un esame orale per 63 candidati con 4 commissari,no?

Naturalmente TUTTI chiederemo accesso agli atti per visionare i nostri compiti e in caso dianomalie ricorreremo alle vie legali. Vogliamo vedere tutto quello che è stato verbalizzato relativamente alla correzione dei  630 compiti non sufficienti.

Diffonderemo ad altre testate giornalistiche perché riteniamo sia importante che gli italiani sappiamo che gli insegnanti della Buona Scuola dei loro figli hanno fatto un concorso che vede molte anomalie, a partire dalle tempistiche dell’uscita del bando (in attesa per dicembre 2015 ma pubblicato afebbraio 2016 in pieno anno scolastico, il che ha creato ritardi su tutta la procedura), agli strumenti utilizzati durante la prova (un programma di scrittura  proprietario senza possibilità di fare alcun tipo di editing e come unica possibilità di back up dei dati l’impiegato che passava con la chiavetta USB), alla pubblicazione delle griglie di valutazione a posteriori, alla mancata comuniciazione della sede per lo svolgimento delle correzioni per arrivare ai risultati attesi assolutamente contraddittori.

Per chi fosse interessato a sentire la nostra voce e quella di colleghi delle altre classi di concorso,sarà possibile contattarci sul gruppo Facebook “Concorso Inglese Lombardia Non ammessi” Abbiamo deciso di coordinarci a livello regionale per capire e peragire in modo coeso.

Ringraziamo dell’attenzione e porgiamo i nostri distinti saluti.

Milano,  27 luglio 2016

Paola Minieri

Abilitata TFA Insegnamento Inglese

CELTA Qualified Teacher

Versione stampabile
anief anief
soloformazione