Concorso docenti Lazio, spunta lo scandalo dei compiti validi, ma candidati non sono inclusi nella graduatoria degli ammessi alla prova orale

di Lalla
ipsef

Lalla – I riflettori sul concorso docenti 2012 non si spegneranno facilmente. Dobbiamo segnalare una comunicazione inviata alla nostra redazione da più persone che in questi giorni stanno appurando, anche grazie all’accesso agli atti, di aver riportato una valutazione positiva nella prova scritta, ma di non essere stati inclusi nell’elenco dei candidati ammessi alla prova orale.

Lalla – I riflettori sul concorso docenti 2012 non si spegneranno facilmente. Dobbiamo segnalare una comunicazione inviata alla nostra redazione da più persone che in questi giorni stanno appurando, anche grazie all’accesso agli atti, di aver riportato una valutazione positiva nella prova scritta, ma di non essere stati inclusi nell’elenco dei candidati ammessi alla prova orale.

Si tratterebbe di circa 90 docenti, e – il dato è da prendere con le pinze – la classe di concorso in cui sarebbe accaduto ciò l’Ambito Lettere, A043 A050, ma anche la primaria.

Ruggero, ad esempio, racconta alla nostra redazione di aver trascorso l’estate convinto di non aver superato la prova scritta, e di aver appreso la valutazione della prova direttamente dal Dirigente Scolastico che l’ha valutata, adesso reggente nella scuola in cui insegna.

Ma la sorpresa più grande è arrivata per chi ha appreso la notizia richiedendo l’accesso agli atti e ha potuto constatare la valutazione apposta sulla prova.

Cosa accade adesso? Ci saranno sicuramente dei ricorsi volti a richiedere una prova suppletiva, per avere la stessa possibilità di proseguire il percorso del concorso. D’altronde l’USR Lazio è l’unico Ufficio a non aver espletato ancora nomine dal nuovo concorso, avendo dichiarato di non essere in grado di approntare graduatorie definitive per alcuna classe di concorso entro il 31 agosto 2013.

I dati da noi riportati contengono, come è giusto che sia, il condizionale, in attesa dei necessari chiarimenti da parte delle commissioni e degli uffici interessati.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare