Concorso docenti infanzia e primaria 2019 ordinario e straordinario: tutte le date da segnare in calendario e cosa sapere su prove e posti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

In merito al concorso docenti infanzia e primaria 2019, occorre fare in primis un distinguo d’obbligo tra concorso straordinario e ordinario. Le notizie sui due bandi a volte si sovrappongono causando confusione. Ma si tratta di due concorsi diversi, anche come tempistiche.

Concorso straordinario infanzia e primaria: domande in scadenza

Mancano poche ore per inviare domanda di ammissione al concorso straordinario docenti infanzia e primaria indetto dal Miur: il termine scade alle 23.59 di oggi, mercoledì 12 dicembre 2018, per le domande online tramite POLIS. Per lo stesso giorno è fissata anche l’udienza cautelare dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato chiamata a decidere in merito alla richiesta di inserimento nelle GaE dei diplomati magistrale. 

Concorso straordinario infanzia e primaria: requisiti e paletti

Possono partecipare al concorso, per i posti comuni, canidati in possesso di diploma magistrale con valore di abilitazione e diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso istituti magistrali o equivalente titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia e i laureati in Scienze della Formazione Primaria che abbiano svolto, presso le scuole statali, nel corso degli ultimi otto anni scolastici,  almeno due annualità di servizio specifico nella scuola dell’infanzia o primaria, anche se non continuative, sia su posto comune che di sostegno. Contano nei due anni di servizio richiesti anche incarichi su chiamata per messa a disposizione.

In risposta ai paletti sui requisiti per la domanda di partecipazione al concorso straordinario infanzia e primaria, l’Anief ha attivato alcuni ricorsi volti a tutelare i diritti di candidati esclusi. Nel mirino è finita la richiesta dei due anni di servizio collocata temporalmente negli ultimi otto anni che di fatto esclude, a parere del sindacato in modo ingiusto, chi ha svolto il servizio dal 1999 al 2009.

Concorso straordinario infanzia e primaria: prove e date da segnare

Scaduto il termine per presentare domanda di partecipazione, fino al 21 dicembre 2018 si accetteranno richieste per comporre le commissioni d’esame.

Altra data da segnare sul calendario per chi è interessato al bando di concorso per scuola dell’infanzia e primaria, è il 18 dicembre 2018. In questa data saranno pubblicate in Gazzetta Ufficiale eventuali aggregazioni territoriali.

Il concorso consisterà in una prova d’esame orale e non selettiva. E’ prevista una durata massima di 30 minuti, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche, metodologiche compiute e di esempi di utilizzo pratico delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC). La commissione interloquisce con il candidato e accerta altresi’ la conoscenza della lingua straniera.

In base all’andamento della prova, saranno stilate le graduatorie che porteranno alle immissioni in ruolo.

Concorso infanzia e primaria 2019: aggiornamenti sul bando

E’ atteso invece per i primi mesi del prossimo anno, il bando pubblico per il Concorso ordinario infanzia e primaria 2019 che si svolgerà su posti comuni (5.626) e di sostegno (4.557). Per un totale quindi di 10.183 cattedre a disposizione.

Concorso infanzia e primaria 2019: requisiti, prove e posti

I requisiti richiesti prevedono laurea in scienza della formazione primaria o diploma magistrale conseguito entro l’anno 2001-2002.

Inoltre, per diventare insegnanti di sostegno, è richiesta una specializzazione apposita. Non sono invece previsti requisiti di servizio.

L’articolazione del concorso infanzia e primaria 2019 prevede lo svolgimento di tre prove:

Secondo quanto previsto nella bozza del decreto, le selezioni dei docenti, su base regionale riguarderanno in una prima fase solamente le regioni in cui le graduatorie di merito del concorso svolto nel 2016 risultino esaurite o insufficienti a soddisfare il fabbisogno degli istituti scolastici per il biennio successivo. Secondo quanto si evince, il concorso per la scuola dell’infanzia e primaria uscirà poi con cadenza di due anni a partire dal 2019.

  • prova preselettiva eventuale (solo qualora il numero di candidati al concorso sarà tre volte superiore a quello dei posti messi a disposizione): si svolgerà tramite pc;
  • prova scritta: consistente nell’elaborazione di due quesiti a risposta aperta (diversi per candidati a posti comuni e di sostegno) e 8 domande a risposta multipla volte alla verifica della conoscenza della lingua inglese e uguali per tutti (durata prova scritta 180 minuti);
  • prova orale: diversa per candidati posti comuni e di sostegno (durata 30 minuti).

Concorso scuola infanzia e primaria 2019 e ricorsi per bando straordinario in corso

Seguiremo da vicino con aggiornamenti, sia l’esito del ricorso per i requisiti di ammissione al concorso straordinario per docenti scuola infanzia e primaria, che la pubblicazione del concorso scuola infanzia e primaria 2019 per posti comuni e di sostegno.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione