Concorso docenti e Ata scuole italiane all’estero: scadenza 21 giugno. Info utili e requisiti. Bando

Stampa

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale i bandi di concorso per la destinazione all’estero del personale della scuola. Ecco quello che riguarda il personale docente e Ata.

La procedura prevista dal Ministero degli Esteri è una selezione per titoli, alla quale può partecipare il personale scolastico con contrato a tempo indeterminato in possesso di determinati requisiti, che darà luogo a distinte graduatorie per classe di concorso alle quali il Ministero degli Esteri attingerà di anno in anno, quando ci saranno posti vacanti da ricoprire all’estero. Il personale presente in graduatoria dovrà sostenere un colloquio d’idoneità, superato il quale potrà essere desinato all’estero.

Il candidato deve produrre apposita istanza esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema POLIS “Istanze on line” a partire dalle ore 9.00 del 1 giugno 2021 e fino alle ore 23:59 del 21 giugno 2021.

BANDO DOCENTI E ATA

I requisiti

Requisiti per accedere alle prove: certificazione linguistica di livello B2 o superiori; corso di inter cultura o di internazionalizzazione; tre anni di servizio di ruolo nella classe di concorso per la quale si chiede di fare le prove; raggiungere un punteggio minimo di 20 punti (personale docenti e DS), dieci punti (personale ATA), tra titoli di servizio, professionali e culturali, calcolati attraverso apposita tabella titoli, allegata al bando.

Non potrà partecipare alle prove di selezione: chi nell’arco dell’intera carriera abbia già svolto più di un mandato all’estero anche se inferiore o pari a sei anni, inclusi gli anni in cui abbia avuto luogo l’effettiva assunzione in servizio; coloro che hanno svolto un mandato novennale di servizio all’estero; coloro che non possono assicurare una permanenza all’estero per sei anni scolastici a decorrere dall’anno scolastico 2021/2022.

Formulazione delle graduatorie e colloqui orali per determinare l’idoneità a svolgere servizio all’estero

La selezione per titoli è volta a formulare le graduatorie del personale che avrà in seguito accesso al colloquio di idoneità. Hanno diritto a essere collocati in graduatoria i candidati in possesso dei requisiti (punti 1-2-3) che raggiungono un punteggio minimo di 20 punti (punto 4), calcolati attraverso la valutazione dei titoli di servizio, culturali e professionali in loro possesso.

Coloro i quali si collocheranno nelle graduatorie verranno in seguito sottoposti al cosiddetto colloquio d’idoneità, comprensivo dell’accertamento linguistico che si svolgerà in modalità telematica. Chi risulterà idoneo potrà essere destinato all’estero, i non idonei verranno depennati dalle graduatorie.

Il colloquio accerterà l’idoneità relazionale richiesta per il servizio all’estero, il medesimo colloquio non dà luogo all’attribuzione di un punteggio, ma si conclude solo con un giudizio di idoneità o di non idoneità. Il colloquio sarà effettuato di volta in volta fino alla copertura dei posti disponibili riferiti alla specifica graduatoria.

Per esemplificare: se nel 2021/22 ci saranno 3 posti disponibili per il codice SCI 002 I, il MAECI inviterà i primi tre in graduatoria a sostenere il colloquio, se i tre risultano tutti idonei saranno desinati all’estero. Se uno di loro non è idoneo, il quarto in graduatoria verrà invitato a sostenere il colloquio e così via.

Bando in Gazzetta Ufficiale

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur