Concorso docenti di educazione motoria alla primaria: attesa per il bando. Chi può partecipare, quali prove

WhatsApp
Telegram

L’introduzione dell’insegnamento dell’educazione motoria nella scuola primaria è previsto dalla legge n. 234/2021. Dal prossimo anno scolastico l’educazione motoria verrà introdotta anche dalla quarta primaria, per quest’anno l’insegnamento è limitato nelle classi quinte. Il concorso per insegnanti di educazione motoria è atteso nel 2023.

Articolazione del concorso

Il concorso si articola in:

  • prova scritta;
  • prova orale;
  • valutazione titoli;
  • formazione graduatoria di merito sulla base dei punteggi ottenuti nella prova scritta, nella prova orale e nella valutazione dei titoli. Nella graduatoria sono inseriti i soli vincitori, ossia i docenti che rientrano nel novero dei posti banditi in ciascuna regione.

Per accedere ai posti di ruolo di educazione motoria alla scuola primaria, gli aspiranti dovranno partecipare al previsto concorso abilitante.

In prima applicazione, la legge n. 234/2021 prevede che la copertura dei posti avvenga con concorso per titoli ed esami abilitante, da bandire negli anni 2022 e 2023.

Chi può partecipare al concorso educazione motoria alla primaria

È necessario essere in possesso di uno dei seguenti titoli

  • laurea magistrale LM-67 Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative»
  • laurea magistrale classe LM-68 «Scienze e tecniche dello sport
  • laurea magistrale nella classe di concorso LM-47 Organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attività motorie
  • titoli di studio equiparati alle predette lauree magistrali ai sensi del decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 9 luglio 2009, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 7 ottobre 2009, n. 233: laurea 53/S Organizzazione e gestione dei servizi per lo sport e le attività motorie; 75/S Scienze e tecnica dello sport; 76/S Scienze e tecniche delle attività motorie preventive e adattative

Necessari i 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche di cui al DM 616/2017.

Le prove

Ci sarà una prova scritta computer base composta da cinquanta quesiti

  • quaranta quesiti a risposta multipla distinti per ciascuna classe di concorso, volti all’accertamento delle competenze e delle conoscenze del candidato
  • cinque quesiti a risposta multipla sulla conoscenza della lingua inglese al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue e cinque quesiti a risposta multipla sulle competenze digitali inerenti l’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento.

La durata della prova è pari a 100 minuti. Non si dà luogo alla previa pubblicazione dei quesiti. La commissione assegna alla prova scritta un punteggio massimo di 100 punti. 

La prova è superata dai candidati che conseguono il punteggio complessivo di almeno 70 punti

Prova orale

Chi vi accede

I candidati, che ottengono nella prova scritta un punteggio pari ad almeno 70/100, accedono alla prova orale.

Durata

La prova ha una durata massima di 30 minuti, fatti salvi i tempi aggiuntivi e gli ausili per i candidati che usufruiscono dei benefici di cui all’articolo 20 della legge n. 104/92.

Cosa valuta e su cosa verte

La prova verte sul programma disciplinare, di cui all’allegato A al DM, ed è finalizzata a valutare:

  • la preparazione del candidato secondo quanto previsto dal predetto allegato;
  • la padronanza della disciplina;
  • la capacità di progettazione didattica efficace, anche con riferimento all’uso didattico delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali, finalizzato al raggiungimento degli obiettivi previsti dagli ordinamenti didattici vigenti.

In cosa consiste

La prova consiste nella progettazione di una attività didattica, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche effettuate e di esempi di uso pratico delle tecnologie digitali.

Nel corso della prova, inoltre, la commissione interloquisce con il candidato al fine di valutarne la capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del QCER.

Valutazione e superamento prova

La prova è valutata con un punteggio massimo di 100 punti. Superano la prova i candidati che conseguono un punteggio minimo di almeno 70/100.

La valutazione è effettuata dalla commissione sulla base dei quadri di riferimento per la valutazione della prova orale predisposti dalla Commissione nazionale nominata dal Ministero dell’Istruzione.

Predisposizione tracce e sorteggio

Le tracce sono predisposte da ciascuna commissione, secondo i programmi di cui al succitato allegato A, in numero pari a tre volte quello dei candidati ammessi alla prova.

Ciascun candidato estrae la traccia, su cui svolgere la prova, 24 ore prima dell’orario programmato per la propria prova. Le tracce estratte sono escluse dai successivi sorteggi.

Quadri di riferimento prova orale 

I quadri di riferimento per la valutazione della prova orale sono predisposti, come detto sopra, dalla Commissione nazionale e sono pubblicati sul sito del Ministero almeno dieci giorni prima dello svolgimento della prova medesima.

Programma

Il programma disciplinare su cui vertono le tracce della prova, indicato nell’allegato A al DM, è articolato in:

a. parte generale (comprendente anche la normativa scolastica);
b. programma disciplinare.

Concorso a cattedra educazione motoria scuola primaria, corso di preparazione

WhatsApp
Telegram

AggiornamentoGraduatorie.it: GPS I e II fascia, calcola il tuo punteggio