Concorso docenti con terza annualità in corso: nel calderone con i neolaureati

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comunicato Gruppo Docenti con terza annualità in corso* – Noi docenti precari di Stato con il terzo anno di supplenza in CORSO che fine faremo? I sindacati ci hanno abbandonato poiché per noi l’unica alternativa è il concorso ordinario, ovvero accanto al calderone dei neolaureati (ricordiamo che si stimano cifre abnormi di potenziali partecipanti, circa un milione).

In questi anni abbiamo reso possibile l’attività didattica della scuola pubblica, abbiamo svolto con onore e passione il nostro mestiere: esami di stato, alternanza scuola-lavoro, consigli di classe, scrutini, collegi, per poi finire, visti gli accordi MIUR sindacati, nel calderone del concorso ordinario dando zero valore a tutti i nostri sacrifici.

Noi ci sentiamo vittime dello Stato Italiano, incapace di valorizzare il lavoro svolto alle sue dipendenze, ci sentiamo sfruttati, utilizzati e accantonati, condannati alla disoccupazione.

Chiediamo anche che venga tolta l’abilitazione per gli idonei del concorso ordinario. Questa potrebbe portare migliaia di neolaureati in seconda fascia a scapito di chi ha già speso soldi per conseguire percorsi abilitanti in passato e rischierebbe di scavalcare i docenti di terza fascia
con anni di servizio (anche più di tre) che non avessero la fortuna ti raggiungere il punteggio minimo nelle tre prove previste o peggio di non passare la preselettiva (dove molte volte  candidati preparati vengono sbarrati per pura casualità delle domande di cultura generale e di
logica proposte).

Il sottosegretario al MIUR On. Lucia Azzolina ha dichiarato poco fa in una intervista radiofonica che, molto probabilmente, gli specializzandi sul sostegno parteciperanno al concorso con riserva, mentre noi precari con il terzo anno in corso non abbiamo diritto ad alcuna riserva!??

Il nostro onorato servizio nelle scuole pubbliche non può valere così poco; perché mai relegarci, dopo l’abuso, il dimenticatoio della precarietà scolastica?

In attesa di un Suo riscontro, Cordialità.

A nome dei Precari con terza annualità in corso
Coordinatore del gruppo
Giovanni Difilippo

*Gruppo nato per mobilitazione in piazza e in ogni sede opportuna utile per il riconoscimento dei nostri diritti. Noi siamo il personale precario della scuola, stiamo lavorando nella scuola, portando avanti la
didattica, l’alternanza ed anche l’esame di stato. Abbiamo diritto a partecipare a fasi integrative straordinarie di assorbimento e stabilizzazione. Non siamo né personale esterno al comparto scuola né
neolaureati: Siamo precari che con l’anno in corso raggiungiamo il traguardo di 180 giorni per 3 anni!

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione