Concorso docenti, chi viene bocciato potrà presentarsi alla prossima procedura: modificata norma nel decreto sostegni bis

Stampa

Il Governo ha posto la fiducia sul decreto sostegni bis presentato e discusso alla Camera. Adesso si attende il passaggio in Senato entro il 24 luglio. Uno degli aspetti più importanti da evidenziare per quanto riguarda la scuola è l’eliminazione della norma che inizialmente vietava la partecipazione dei candidati bocciati ai concorsi successivi.

Inizialmente, infatti, il comma 13 dell’articolo 59 decreto sostegni bis, riportava la seguente dicitura: “I candidati che partecipano ad una procedura concorsuale e non superano le relative prove non possono presentare domanda di partecipazione alla procedura concorsuale successiva per la medesima classe di concorso o tipologia di posto per la quale non hanno superato le prove“.

Il testo entrato in Parlamento non prevedeva già tale disposizione, sui cui c’è stata convergenza fra tutte le forze politiche a cancellarla.

Anche i candidati che stanno partecipando al concorso Stem e che non supereranno le prove, potranno riprovarci al prossimo bando che sarà emanato.

TESTO RELATIVO ALLA SCUOLA

Decreto Sostegni bis, via libera dalla Camera. Dai concorsi alle assunzioni, cosa cambia per la scuola [con VIDEO GUIDA]

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur