Concorso docenti abilitati: sostegno II grado e Lettere le classi più richieste. Per Diritto bisognerà fare i conti con gli esuberi

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Il numero maggiore di domande per il concorso indetto con DG n.85 del 1° febbraio 2018 è stato presentato da insegnanti specializzati sul sostegno nella scuola di II grado e abilitati in Italiano, Storia, Geografia nella scuola secondaria di I grado.

A seguire abilitati in discipline letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado e scienze giuridico-economiche.

Dunque la prospettiva di un elevato numero di posti vuoti per il sostegno ha indotto numerosi insegnanti in possesso di abilitazione di presentare la domanda per accedere alla graduatoria di merito regionale, frequentare il 3° anno di FIT ed essere immessi in ruolo nella regione prescelta.

Un dato certo infattiè che per l’a.s. 2018/19 sono già liberi 22.087 posti di cui 10.011 per il sostegno, rimasti vacanti in seguito alle immissioni in ruolo del 2017/18. A questi se ne aggiungeranno altri, derivanti dalla trasformazione di alcune cattedre da organico di fatto in organico di diritto (il numero complessivo è di 3.530.

Se non stupisce la richiesta per le classi di concorso di Lettere, sia per il primo che per il secondo grado, il numero elevato di docenti che andranno a costituire le graduatorie di Scienze giuridico – economiche A46 (ex A019) qualche perplessità la suscita, per i tempi che dovranno essere necessari per l’immissione in ruolo in una classe di concorso che presenta ancora degli esuberi a livello nazionale dopo il piano straordinario di immissioni in ruolo Renzi del 2015. Nell’a.s. 2017/18 la situazione era questa

50.000 gli iscritti al concorso per docenti abilitati della secondaria di I e II grado, età media 43 anni, prevalgono le donne

Versione stampabile
anief
soloformazione