Concorso docenti abilitati : non c’è pace per i docenti precari. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Piero Aguti – Non c’è pace per i docenti precari abilitati : il Cds ha deciso di sottoporre alla Consulta la legittimità costituzionale del concorso riservato.

Si ritiene, infatti, che l’esclusione del personale non abilitato (laureato o in possesso del dottorato di ricerca) sia incostituzionale. Invito tutti a riflettere sull’argomento formulando alcune domande :

1) Il MIUR ha deciso che per poter svolgere la professione di docente sia indispensabile essere abilitati nella disciplina per cui si richiede di insegnare.  Innanzitutto, vediamo la definizione che dà del termine “abilitazione professionale” l’enciclopedia Treccani : ” Riconoscimento ufficiale della capacità di esercitare una professione o un’arte o del possesso di particolari requisiti necessari a svolgere determinate attività“. Per poter svolgere la professione di geologo, biologo, ingegnere etc, occorre possedere un’abilitazione professionale. Non è sufficiente il possesso della sola laurea. Perché per l’insegnamento non dovrebbe valere la stessa regola ? Se l’abilitazione non deve rappresentare un requisito indispensabile per poter esercitare una professione, a questo punto perché non aboliamo anche il valore legale delle lauree, gli ordini professionali etc ?

2) Ma il CdS non si era già espresso negativamente sul valore abilitante del dottorato di ricerca ?

https://www.orizzontescuola.it/dottorato-di-ricerca-non-e-abilitazione-quindi-non-e-requisito-di-accesso-al-concorso-sentenza-consiglio-di-stato/

Inoltre, in merito al dottorato di ricerca faccio la seguente osservazione : un docente che è in possesso di un dottorato in “biologia molecolare” avrebbe l’opportunità di insegnare su tre classi di concorso : A28, A60 e  A-51. Al contrario, un docente abilitato sulla classe di concorso A28 non può assolutamente insegnare sulle altre due classi menzionate in precedenza. Praticamente il dottorato diventerebbe un passepartout ?

3) Il precedente concorso docenti del 2016, presupponeva l’abilitazione come requisito indispensabile per poter partecipare alla selezione : allora, anche in questo caso si dovrebbero annullare tutti i ruoli conseguiti da questi docenti ?

Domande interessanti su cui riflettere.

Versione stampabile
anief
soloformazione