Concorso docenti 2018, gli ammessi con riserva chiedono al prossimo Ministro: “Non vogliamo più essere precari”

WhatsApp
Telegram

In attesa del prossimo Ministro dell’Istruzione, gli ammessi con riserva al concorso docenti 2018, riservato agli abilitati, chiedono garanzie e una stabilizzazione dopo tanta attesa. Lo chiedono lanciando una petizione.

“Siamo stanchi di questi giri di valzer! Siamo stanchi di vedere Ministri dell’Istruzione alzarsi e sedersi su quella poltrona e trattarci come pezze. Questo cambio ha fatto sì che noi precari venissimo dimenticati, discriminati nonostante idonei all’insegnamento! Vogliamo risposte, sono già passati 3 anni ma noi non molliamo. Questa petizione speriamo serva a ricevere delucidazioni ma siamo pronti a coinvolgere l’Europa! BASTA!

Passano gli anni, cambia il Governo, cambia il Ministro dell’Istruzione ma di noi e per noi, nessuno si preoccupa, nessuno ne parla. Siamo oltre 10.000 i docenti ammessi con riserva al concorso docenti del lontano 2018, alcuni dei quali lo hanno superato proficuamente. A questo va aggiunto che questi docenti sono in possesso di attestati e anni di insegnamento“, si legge sul testo della petizione.

PETIZIONE

 

 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito