Concorso docenti 2016. Prove scritte, lettera ringraziamento USR Lazio e Piemonte: impresa senza precedenti

Stampa

I direttori degli Uffici Scolastici Regionali del Lazio e del Piemonte, al termine delle prove scritte del concorso a cattedra 2016, hanno sentito il "dovere" di ringraziare i propri dipendenti e le Istituzioni scolastiche sedi di esame, per il contributo offerto per il regolare svolgimento delle prove.

I direttori degli Uffici Scolastici Regionali del Lazio e del Piemonte, al termine delle prove scritte del concorso a cattedra 2016, hanno sentito il "dovere" di ringraziare i propri dipendenti e le Istituzioni scolastiche sedi di esame, per il contributo offerto per il regolare svolgimento delle prove.

I direttori suddetti, complimentandosi con scuole e propri dipendenti, hanno evidenziato l'egregio lavoro svolto, soprattutto in relazione alle nuove modalità tramite cui si sono svolte le prove, ossia per mezzo di procedure e strumenti informatici.

Il direttore del Piemonte ha definito il lavoro svolto come un'impresa che non ha precedenti nella pubblica amministrazione italiana.

Hanno infine sottolineato il lavoro di squadra posto in essere da Uffici e Scuole sede d'esame. Al riguardo, il direttore De Angelis (USR Lazio) ha affermato, citando Giovanni Verga, che: "I vicini devono fare come le tegole del tetto, a darsi l'acqua l'un l'altro".

Lettera dell'USR Lazio

Lettera dell'USR Piemonte

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!