Concorso dirigenti scolastici, vincitori lo hanno superato per merito e vanno assunti. Lettera

ipsef

item-thumbnail

Inviato da Rosalia Urso – Per molti di noi, vincitori del concorso per DS, e non posizionatici in posizione utile per essere assunti quest’anno è iniziato un nuovo anno scolastico con tante incertezze sul nostro futuro in attesa della sentenza del CdS.

Sui mass media l’opinione pubblica è bombardata dalle ragioni più o meno valide di ricorsisti a vario titolo: sessantini, bocciati allo scritto , idonei etc.

Non so se qualcuno ha sbagliato durante la procedura concorsuale, non so se qualcuno dei ricorsisti può vantare diritti tutelabili, deciderà la giustizia amministrativa, so solo, che vincitori hanno vinto il concorso legittimamente e che si dovrebbe, quindi, analizzare le diverse situazioni senza per questo procedere all’assurdo annullamento del concorso..

E’ impossibile accettare senza rabbia, indignazione i commenti che, su varie riviste di settore e anche su testate giornalistiche, chat, vengono fatti su questo concorso e su noi vincitori; concorso truccato, vincitori raccomandati, commissioni compiacenti, vincitori ignoranti etc., etc.,

Il concorso, anche se ha evidenziato qualche debolezza nella procedura, è stato trasparente, faticoso e noi che lo abbiamo vinto abbiamo raggiunto tale obiettivo dopo anni dì studio, di sacrifici che hanno coinvolto anche le famiglie, di dispendio dì risorse economiche per libri, corsi, viaggi per raggiungere le diverse mete concorsuali.

Abbiamo diritto alla tutela della nostra dignità, della nostra professionalità, del nostro diritto ad essere legittimamente riconosciuti vincitori e assunti nel prossimo anno scolastico quali DS così come è avvenuto, quest’anno, per i colleghi che ci hanno preceduto in graduatoria.

Non è ammissibile constatare come, alcuni mass-media, spesso, siano così complici di una tale denigrazione nei confronti del MIUR che ha posto in essere la procedura concorsuale e dei vincitori.

Versione stampabile
anief banner
soloformazione