Concorso Dirigenti Scolastici, vincitori entro maggio. Tirocinio con collega più anziano

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Pronto il Disegno di legge che dovrebbe modificare l’iter del corso concorso per Dirigenti Scolastici, che dovrebbe permettere di coprire i posti vacanti dei Dirigenti Scolastici già dal 1° settembre 2019. Le modalità.

Concorso Dirigenti Scolastici: l’iter

Dal concorso in svolgimento in questi mesi saranno decretati i 2.425 vincitori. Per molti di loro, dato l’alto numero si reggenze (circa 1.700) e i posti vacanti, il ruolo potrebbe arrivare già a partire dal 1° settembre 2019.

E’ già stata svolta la prova preselettiva, e per il mese di ottobre è prevista la prova scritta per 8.736 candidati. Concorso Dirigenti Scolastici: prova scritta ad ottobre, salvo rinvii

Si svolgerà poi la prova orale.

Il bando prevedeva quindi il corso, ed è su questa parte che il Ministero ha intenzione di intervenire

Entro maggio – promette Bussetti in una intervista al Corriere – avremo i nuovi dirigenti, la formazione la faranno in servizio

Il Disegno di Legge

Il Sen. Pittoni (lega) Presidente della VII Commissione Cultura del Senato sta portando a termine un Disegno di Legge che permetterà ai vincitori di entrare in servizio già dall’a.s. 2019/20, svolgendo il tirocinio già nelle vesti di Dirigente Scolastico, affiancati da un collega più anziano.

Il corso e il tirocinio

Il corso e del tirocinio è la parte più lunga della procedura.

Sono ammessi alla frequenza del corso di formazione dirigenziale e tirocinio 2900 candidati (articolo 2/3 del Bando), corrispondenti ad un numero di aspiranti superiore del 20% al numero dei posti banditi.

Il corso, che ha carattere selettivo, si svolge presso le Università, può essere organizzato a livello regionale e si articola in due mesi di formazione generale e quattro mesi di tirocinio integrati da sessioni di formazione anche a distanza.

Il tirocinio dura quattro mesi e si svolge nelle scuole individuate dagli Uffici Scolastici Regionali, previa candidatura da parte delle stesse.

Al termine del tirocinio, i candidati sostengono una prova scritta

I candidati, che superano la prova scritta, sono ammessi alla prova orale (presentano una relazione sulle attività svolte durante il tirocinio e sostengono il colloquio finale).

Vedremo quali saranno le modifiche apportate dal Disegno di Legge.

Versione stampabile
anief
soloformazione