Concorso Dirigenti Scolastici: prova preselettiva legittima. Disattese ulteriori censure proposte per palese infondatezza

Di Lalla
WhatsApp
Telegram

Avv. Giuseppe Policaro – Con la sentenza n° 4323/2013 pubblicata il 30.04.2013 il TAR del Lazio sez. III^ bis di Roma si è nuovamente pronunciato sulla legittimità della prova preselettiva nazionale espletata alla genesi del Concorso per DS.

Avv. Giuseppe Policaro – Con la sentenza n° 4323/2013 pubblicata il 30.04.2013 il TAR del Lazio sez. III^ bis di Roma si è nuovamente pronunciato sulla legittimità della prova preselettiva nazionale espletata alla genesi del Concorso per DS.

Tanto ha (nuovamente) statuito disattendendo le articolate censure proposte per conto di circa un centinaio di ricorrenti di quasi tutt’Italia che, come noto, erano insorti avverso la decretata loro esclusione frapponendo, a loro suffragio, una miriade di questioni delle quali talune parrebbero essere state scrutinate per la prima volta in sede giudiziaria.

Nel rimandare alla lettura integrale dell’esaustivo provvedimento, colpiscono le parole d’esordio utilizzate in punto di diritto dall’autorevole Tribunale Amministrativo Capitolino: " Il ricorso ed i motivi aggiunti sono palesemente infondati" giacchè, ad avviso dello scrivente, dette parole parrebbero suggellare terminativamente il granitico orientamento assunto dal Collegio Romano in merito all’assoluta legittimità della prova preselettiva nazionale del concorso in argomento.

La sentenza

WhatsApp
Telegram

TFA sostegno IX ciclo. Corso online per il superamento della prova scritta e orale: promozione Eurosofia a soli 70€