Concorso dirigenti scolastici: no corso di formazione, vincitori dopo l’orale. Decreto in GU

WhatsApp
Telegram

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge semplificazione, che introduce importanti novità in merito al concorso per diventare dirigente scolastico.

Articolazione corso-concorso

Prima della novità introdotta dal summenzionato decreto legge, il corso-concorso per diventare dirigente scolastico si sarebbe dovuto così articolare:

  • prova preselettiva
  • prova scritta
  • prova orale
  • corso di formazione (due mesi)
  • tirocinio (quattro mesi)
  • prova scritta di carattere teorico-pratico
  • colloquio finale

Al termine della prova orale (ricordiamo che al momento è stata svolta la preselettiva e la prova scritta), gli aspiranti presidi avrebbero dovuto seguire il corso di formazione e tirocinio e le relative prove.

Decreto semplificazione

Così detta l’articolo 10 del decreto semplificazione:

I candidati ammessi al corso conclusivo del corso-concorso bandito nel 2017 per il reclutamento dei dirigenti scolastici, sono dichiarati vincitori e assunti, secondo l’ordine della graduatoria di ammissione al corso, nel limite dei posti annualmente vacanti e disponibili, fatto salvo il regime autorizzatorio in materia di assunzioni di cui all’articolo 39, comma 3, della legge 27 dicembre 1997, n. 449. Il periodo di formazione e prova e’ disciplinato con i decreti di cui all’articolo 29 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Il presente comma si applica anche al corso-concorso bandito per la copertura dei posti nelle scuole di lingua slovena o bilingue.

I candidati ammessi al corso conclusivo di formazione e tirocinio, dunque, saranno direttamente dichiarati vincitori e assunti, secondo l’ordine di graduatoria di ammissione al corso.

Sottolineiamo che il DM 138/2017 disponeva che al corso di formazione fosse ammesso il 20% di candidati in più rispetto ai posti disponibili. Tali candidati diventeranno anch’essi vincitori.

Vincitori assunti nel 2019/20

La modifica apportata in corsa si pone l’obiettivo di avere i nuovi dirigenti scolastici già dal 1° settembre 2019.

La modifica, inoltre, ha determinato un risparmio economico, dovuto al fatto che non ci sarà più il semi-esonero del personale frequentante il previsto corso di formazione.

Le risorse risparmiate confluiranno nel nel Fondo «La Buona Scuola» per il miglioramento e la valorizzazione dell’istruzione scolastica.

Decreto semplificazione

WhatsApp
Telegram

Eurosofia nel mese di dicembre trasmetterà tre nuovi incontri formativi gratuiti dedicati agli attori della scuola