Concorso Dirigenti Scolastici in Lombardia, rigettato appello del Miur. Unica soluzione correggere nuovamente le prove scritte. C’è il rischio che a settembre molte scuole siano senza dirigente

di Lalla
ipsef

red – Con sentenza n. 3747/2012 della VI sez. del Consiglio di Stato è stato rigettato l’appello proposto dal MIUR avverso la sentenza del TAR Lombardia che aveva annullato il Concorso per DS in detta regione per violazione del principio dell’anonimato in conseguenza della ritenuta trasparenza delle buste utilizzate in sede concorsuale per contenere gli elaborati scritti. Il commento dell’Avvocato Policaro e la sentenza in versione integrale.
ANIEF. Soluzione politica: salvare idonei e rifare prova per danneggiati
Aprea: "Aspettavamo esito diverso. Snellire reclutamento"
Malpezzi: PD si impegna trovare soluzione concorso Dirigenti
CISL. Concorso da rifare: dalla negligenza i danni di un infinito contenzioso

red – Con sentenza n. 3747/2012 della VI sez. del Consiglio di Stato è stato rigettato l’appello proposto dal MIUR avverso la sentenza del TAR Lombardia che aveva annullato il Concorso per DS in detta regione per violazione del principio dell’anonimato in conseguenza della ritenuta trasparenza delle buste utilizzate in sede concorsuale per contenere gli elaborati scritti. Il commento dell’Avvocato Policaro e la sentenza in versione integrale.
ANIEF. Soluzione politica: salvare idonei e rifare prova per danneggiati
Aprea: "Aspettavamo esito diverso. Snellire reclutamento"
Malpezzi: PD si impegna trovare soluzione concorso Dirigenti
CISL. Concorso da rifare: dalla negligenza i danni di un infinito contenzioso

"Con la sentenza sono stati affermati i seguenti principi :

A) Nelle procedure concorsuali l’esigenza di assicurare il rispetto effettivo del principio costituzionale del pubblico concorso e la regola fondamentale dell’anonimato ad esso sottesa costituiscono la base di un dovere indefettibile per l’amministrazione che le impone di utilizzare, in conformità alla condotta tipica definita a livello normativo, buste, all’interno delle quali i concorrenti inseriscono i dati identificativi,
materialmente tali da non consentire nemmeno astrattamente che la commissione o altri possano, in qualunque condizione ambientale, leggere i dati identificativi dei concorrenti stessi fino al momento procedimentale dedicato all’apertura delle buste.

B) L’attuazione della sentenza che dichiara l’illegittimità di una fase della procedura concorsuale deve avvenire, in ossequio al principio di economicità dell’azione amministrativa, in modo da preservare, ove possibile, le fasi della procedura stessa immuni dai vizi enunciati".

Ne discende che, in Lombardia, l’USR dovrà assicurare l’attuazione del giudicato nel seguente modo:

"Nel caso in esame l’attuazione del giudicato deve avvenire in modo da preservare, in rispetto del principio di economicità, la validità degli atti della procedura che non sono stati inficiati dall’illegittimità qui riscontrata. In questa prospettiva, non è necessario che venga ripetuto lo svolgimento delle prove scritte, in quanto lo stesso è avvenuto, per le ragioni indicate, nel rispetto delle relative norme.

Il Ministero dell’istruzione, pertanto, dovrà affidare a un dirigente di prima fascia incardinato da almeno un anno presso gli uffici centrali ministeriali e ad altri due dirigenti di analoga collocazione, estranei alla vicenda amministrativa in esame, il compito di procedere alla sostituzione delle buste, oggetto di contestazione in questo giudizio, con buste che assicurino l’assoluto rispetto del principio dell’anonimato, nonché
all’effettuazione delle altre necessarie operazioni materiali. I dirigenti incaricati daranno adeguata pubblicità delle attività poste in essere indicando luogo, giorno e ora in cui si effettueranno tali operazioni, consentendo, se richiesto, ad un numero non superiore a dieci candidati, di assistervi.

Il Ministero, inoltre, provvederà a nominare una nuova commissione composta da soggetti aventi i prescritti requisiti legali, con il compito di procedere ad una nuova valutazione degli elaborati di tutti i candidati che hanno superato la prova preselettiva.

La commissione nominata procederà poi alla correzione degli elaborati nel rispetto di tutte le norme di legge e di quelle contenute nel bando di concorso, Pertanto, salvo novelle legislative d’urgenza, numerose Istituzioni Scolastiche in Lombardia rimarranno prive di Dirigente Scolastico per l’a.s. 2013/2014 oramai alle porte."

Consiglio di Stato conferma annullamento concorso DS in Lombardia. Tar Abruzzo annulla concorso accogliendo ricorso contro prove orali

La sentenza

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare