Concorso dirigenti scolastici, incontro Miur-sindacati: assunzioni a rischio per il 1° settembre 2017

di Anselmo Penna
ipsef

Le procedure, che porteranno allo svolgimento del concorso per dirigenti scolastici sono già state avviate con lo schema di Regolamento inviato al CSPI, come abbiamo riferito in "Concorso dirigenti: per lo scritto 5 domande a risposta aperta. Mille i posti messi. I contenuti del Bando", e con la convocazione dei sindacati per una prima informativa proprio sul citato Regolamento. 

Le procedure, che porteranno allo svolgimento del concorso per dirigenti scolastici sono già state avviate con lo schema di Regolamento inviato al CSPI, come abbiamo riferito in "Concorso dirigenti: per lo scritto 5 domande a risposta aperta. Mille i posti messi. I contenuti del Bando", e con la convocazione dei sindacati per una prima informativa proprio sul citato Regolamento. 

L'incontro si è svolto il 23 giugno u.s. e il Miur ha invitato le OO.SS. ad esprimere suggerimenti ed eventuali osservazioni da sottoporre al vaglio della medesima Amministrazione. 
.
Nel corso dell'incontro il Miur ha evidenziato che i posti da destinare al corso- concorso riguarderanno il triennio 2016-2019. I sindacati, da parte loro, hanno evidenziato la necessità di:

  • abbreviare i tempi per l’iter del regolamento e, quindi, per l’emanazione del bando, anche per far fronte e superare il problema delle più di mille istituzioni scolastiche affidate in reggenza;
  • quantificare, in maniera chiara e senza alcun dubbio interpretativo,  i posti da mettere a bando nel triennio di riferimento;
  • inviare tempestivamente la bozza di regolamento agli organi di controllo in modo da accelerare le operazioni propedeutiche all’emanazione di un ulteriore decreto per disciplinare le modalità di svolgimento del corso;
  • rivedere lo schema di Regolamento, in considerazione di alcune incongruenze  tra le varie parti del documento stesso;
  • riequilibrare la valutazione dei titoli in modo da non creare squilisbri tra il punteggio dei titoli di servizio e quello dei titoli culturali.

Il Miur, preso atto delle suddette richieste, ha poi informato che il CSPI dovrebbe esprimere il proprio parere intorno alla prima metà del mese di luglio, per il successivo invio al Consiglio di Stato, dopo il quale sarà convocato un altro incontro con le OO.SS.

Ricordiamo che al parere del CSPI seguirà quello altrettanto autorevole del Consiglio di Stato, espresso dalla Sezione Consultiva per gli atti normativi, passaggi questi che richiederanno un tempo non certo breve, anche perché, qualora venissero fatte delle osservazioni, soprattutto dal CdS, non se ne potrebbe non tener conto. Effettuati i citati passaggi, il Miur dovrà poi chiedere al Mef l'autorizzazione per bandire i posti che si prevede siano vacanti e disponibili nel triennio di riferimento, procedura che richiede, come è noto, i suoi tempi, che non sono certo veloci. 

Come ha evidenziato la Cisl scuola, è fortemente in dubbio che i vincitori finali possano essere nominati a decorrere dal 1° settembre 2017, nonostante le previsioni ottimistiche del Miur.

Tutto sul concorso a dirigente scolastico

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare