Concorso Dirigenti Scolastici: il punto di vista di una fra i tanti esclusi

di Lalla
ipsef

G.S. – A quanto pare, gli onorevoli colleghi che hanno superato la prova selettiva e potranno sostenere gli scritti del concorso per dirigenti scolastici, già si sentono "presidi". Io non ho superato il test perchè ho sbagliato 25 domande, totalizzando 75 punti anzichè 80 che era il punteggio minimo per accedere alle prove successive.

G.S. – A quanto pare, gli onorevoli colleghi che hanno superato la prova selettiva e potranno sostenere gli scritti del concorso per dirigenti scolastici, già si sentono "presidi". Io non ho superato il test perchè ho sbagliato 25 domande, totalizzando 75 punti anzichè 80 che era il punteggio minimo per accedere alle prove successive.

Ebbene sì, non ho saputo rispondere alle domande sugli stakeholder, a quella su MacLuhan, all’altra sul significato di deliverable, a qualcuna in più sulla lingua inglese. Quindi non potrò "mai" fare il preside, perchè si tratta, senza ombra di dubbio, di concetti fondamentali…….

Se è un dovere accettare le regole, è altrettanto giusto contestare regole "ingiuste" che non hanno nessun fondamento giuridico ma rispondono semplicemente a motivazioni di carattere tecnico: la difficoltà di organizzare un concorso per troppi concorrenti.

Il confronto con le facoltà a numero chiuso non regge ( tralasciando il fatto che neppure lì è giusto): il concorso per dirigente scolastico è stato bandito l’ultima volta sei anni fa e potrebbe essere mai più bandito (questo potrebbe essere l’ultimo). I test all’univeristà si ripetono ogni anno e poi è possibile fare scelte alternative.

Eliminare i concorrenti sulla base di domande che hanno poca attinenza con il lavoro che si dovrà svolgere è un’enorme ingiustizia.

Non credo che superare i test significhi necessariamente essere più bravi degli altri, memorizzare circa seimila test è sicuramente un bell’esercizio, ma non può essere un criterio valido per selezionare i futuri dirigenti. Pensandoci, forse non si vogliono i migliori….

Una fra i tanti esclusi

Prova discreta, insegnanti scorretti

Versione stampabile
anief
soloformazione