Concorso dirigenti scolastici, Bussetti apre a soluzione per idonei non vincitori

WhatsApp
Telegram

Il concorso per dirigenti scolastici, nonostante tutte le vicissitudini (sentenza annullamento TAR e sospensiva del Consiglio di Stato), sta giungendo ormai al termine con la pubblicazione della graduatoria nazionale attesa per il prossimo 31 luglio.

Un’altra problematica, sollevata anche dal sindacato Anief,  riguarda i circa 520 idonei che resteranno fuori dalla graduatoria e quindi dalla procedura. Ricordiamo la tempistica e le operazioni che porteranno alle assunzioni e cosa ha affermato il Ministro Bussetti in merito ai citati idonei non vincitori.

Assunzioni e assegnazione alle scuole

Le  assunzioni avverranno su base nazionale e, come leggiamo anche nel bando di concorso, si seguirà la procedura di seguito riportata (la tempistica è quella indicata dal Miur):

  1. i vincitori esprimono le preferenze dal 31 luglio al 2 agosto su Istanze online;
  2. segue l’assegnazione ai ruoli regionali dal 5 agosto, sulla base dell’ordine di graduatoria e delle preferenze espresse dai vincitori stessi all’atto dello scorrimento della graduatoria, nel limite dei posti vacanti e disponibili ciascun anno e in ciascun USR;
  3. il competente USR invita poi i vincitori a sottoscrivere il contratto individuale di lavoro a tempo indeterminato previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro relativo alla dirigenza scolastica. Nell’assegnazione della sede di servizio, il competente USR si atterra’ a quanto disposto dagli articoli 21 e 33, commi 5, 6 e 7, della legge 104/1992, ossia alle precedenze previste dalla predetta legge.

Evidenziamo che il prossimo 31 luglio, i sindacati saranno al Miur per discutere sulle modalità di assegnazione alle scuole da parte dei direttori degli UU.SS.RR. Questo perché il Miur aveva proposto che i nuovi dirigenti venissero assegnati alle scuole in base al curriculum, proposta respinta dai sindacati che chiedono, invece, un confronto sui criteri come previsto dal nuovo CCNL 2016/18.

Idonei non vincitori

Il Ministro Bussetti,  presente al seminario Cisl sui dirigenti neoassunti, è intervenuto sul tema degli idonei non vincitori, dopo aver affermato che il Miur punta a vincere il ricorso presentato al Consiglio di Stato.

Come comunica la Cisl, Bussetti ha espresso ampia disponibilità a ricercare opportune soluzioni.

Vedremo se, quando e quali saranno le opportune soluzioni, di cui ha parlato il Ministro.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri