Concorso dirigenti scolastici, ammissione con riserva per ricorrenti Tar?

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Come già anticipato da Orizzonte Scuola, la prova scritta del concorso per la selezione di 2.425 nuovi dirigenti scolastici si terrà il prossimo 18 ottobre. 

Il concorso va avanti

Anche il Corriere della Sera ha ripreso la notizia sulla conferma della data da parte del Miur.

La perentorietà sulla data dello scritto è stata confermata dal Miur, nonostante la sentenza del Tar Lazio legata al ricorso 10931 per quei candidati con problemi ai PC durante la prova preselettiva imponga per questi ultimi la ripetizione della prova entro 20 giorni dall’emanazione dell’ordinanza.

Violazione par condicio

Il tribunale amministrativo ha considerato che l’interruzione del funzionamento delle procedure informatiche ha comportato una violazione della par condicio dei partecipanti. Ciò alla base della richiesta della ripetizione della prova e, nel caso di superamento, l’ammissione in soprannumero alle prove.

Il Miur nei giorni scorsi aveva fatto sapere di voler ricorrere con procedura d’urgenza al Consiglio di Stato contro la decisione del Tar, nonostante l’incompatibilità dei tempi della giustizia con quelli del concorso.

L’unica soluzione, secondo il Corriere, potrebbe essere rappresentata dall’ammissione con riserva alle prove scritte da parte dei candidati ricorrenti, in attesa che il Consiglio di Stato si esprima anche nel merito.

Versione stampabile
anief
soloformazione