Concorso Dirigenti Scolastici 2017, rimangono 897 vincitori da assumere. Quando il prossimo bando?

Stampa

Non c’è ancora alcuna indicazione o fonte ministeriale su un possibile bando per un nuovo concorso Dirigenti scolastici; ma facendo un paio di conti, tra i nuovi parametri per il dimensionamento scolastico e la graduatoria vincitori dell’ultima selezione concorsuale bandita nel 2017 prossima all’esaurimento, l’idea o l’apertura di una discussione sul prossimo concorso Dirigenti Scolastici, non dovrebbe essere così lontana nel tempo. I dettagli.

Dimensionamento scolastico, novità dalla legge di Bilancio

La legge di Bilancio 2021 ha introdotto un’importante novità in tema di dimensionamento scolastico. Per il 2021/2022 il numero minimo di 600 studenti, 400 nelle piccole isole e nei comuni montani, che le scuole devono raggiungere per avere un proprio dirigente scolastico e un Direttore dei Servizi Generali Amministrativi, viene abbassato rispettivamente a 500 e 300 studenti.

Una misura per dare ad un numero maggiore di scuole un proprio capo di istituto ed un Dsga a tempo pieno, fondamentale nella gestione dell’attuale periodo emergenziale. Per l’attuazione è autorizzata la spesa di 13,61 milioni di euro per l’anno 2021 e di 27,23 milioni di euro annui per l’anno 2022.

N.B.: Tale norma dovrebbe consentire un numero maggiore di assunzione dei Dirigenti scolastici e dei DSGA.

Sentenza Consiglio di Stato: Concorso Dirigenti Scolastici 2017 regolare. Salve sia graduatoria che immissioni in ruolo

Il Consiglio di Stato, qualche settimana fa, ha respinto le motivazioni che avevano indotto il TAR ad annullare il concorso dirigenti scolastici bandito nel 2017. La sentenza si riferiva all’udienza che si è svolta lo scorso 15 ottobre 2020.

Nella sentenza del CDS veniva specificato che le incompatibilità dei tre commissari non hanno avuto alcuna dimostrazione tangibile. Nessuna prova che i suddetti abbiano in qualche modo favorito l’uno o l’altro candidato.

Respinta anche la motivazione della mancanza di unicità della prova, in quanto sono state cause di forza maggiore – allerta meteo Sardegna – a determinare lo svolgimento temporalmente differenziato dei candidati nella medesima regione. Anche in questo caso nessuna prova che ciò abbia favorito i concorrenti sardi in quanto la prova scritta, nello specifico le domande, erano totalmente diverse dalle prime rivolte ai restanti candidati delle altre regioni.

Ecco cosa ha scritto il Consiglio di Stato

“Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta), definitivamente pronunciando sugli appelli, come in epigrafe proposti e tra di loro riuniti (ricorsi n. 5764 del 2019, n. 5742 del 2019, n. 5865 del 2019, n. 6625 del 2019, n. 6640 del 2019, n. 6665 del 2019, n. 8567 del 2019 e n. 1411 del 2020), nonché sugli appelli incidentali proposti dall’originaria ricorrente, accoglie gli appelli principali, respinge i correlativi appelli incidentali e, per l’effetto, in parziale riforma dell’impugnata sentenza, respinge integralmente il ricorso di primo grado; dichiara le spese del doppio grado di giudizio interamente compensate tra tutte le parti.”

Conferma delle immissioni in ruolo già disposte

Per Udir che ha patrocinato per primo come sindacato il ricorso grazie all’appello presentato dell’Avv. Galleano e alla sospensione cautelare della sentenza negativa del Tar Lazio:la conferma delle immissioni in ruolo di più di duemila dirigenti avvenuta in questi due anni lascia serenità a una scuola che è già stata messa in discussione della pandemia. Ora bisogna riconoscere la tutela e la valorizzazione di un ruolo senza il quale non può essere garantito il diritto all’istruzione di 8 milione di studenti. Tutela sulla responsabilità dei dirigenti sulla sicurezza, perequazione degli stipendi con le altre figure della dirigenza pubblica”

Scarica la sentenza

La graduatoria del concorso Dirigenti Scolastici

Ricordiamo che si tratta di una graduatoria ad esaurimento, saranno immessi in ruolo anche gli idonei. Al momento le assunzioni – pienamente legittimate dalla sentenza del CDS – sono state disposte fino al n. 2523. Rimangono in graduatoria 897 aspiranti. La graduatoria (ultima rettifica 14 agosto 2020).

Conclusioni – Nuovo bando?

Abbiamo riportato i temi del nuovo dimensionamento scolastico e della graduatoria in via d’esaurimento dei vincitori dell’ultimo concorso bandito nel 2017 a sostegno dell’ipotesi che una nuova selezione potrebbe materializzarsi, sicuramente non nell’immediato, ma nemmeno troppo in là nel tempo.

Ciò perchè, come già specificato, rimangono da assumere 897 aspiranti DS. Negli ultimi due anni sono stati assunti 2523 dirigenti scolastici, per una media di oltre 1250 unità annuali. Ciò fa pensare possa essere possibile un’imminente esaurimento della predetta graduatoria nell’ambito delle prossime assunzioni DS previste per il 2021/22. Ricordiamo che parliamo di un elenco a livello nazionale – su tale base fu bandito il concorso -, quindi i numeri snocciolati fino ad ora non sono poi così grandi.

In altre parole, considerando che i tempi di attuazione di una procedura concorsuale complessa come quella riferente alla selezione dei dirigenti scolastici si protragga in media da uno e mezzo ai due anni – periodo oltremodo allungabile qualora venisse previsto anche un successivo corso/tirocinio di alcuni mesi per i soli vincitori – è lecito supporre che un nuovo bando non sia un’idea campata in aria; in modo tale da avere una rinnovata graduatoria per gli anni a venire, 2022/23 o 2023/24 e successivi. Ricordiamo che la prossima selezione dei Dirigenti Scolastici sarà su base regionale.

Concorsi del 2021 per la Scuola: Docenti, DSGA, Dirigenti scolastici e tecnici, IRC. Tutte le info

Scuola, nel 2021 diminuiscono le reggenze. Più assunzioni di Dirigenti Scolastici e DSGA, le nuove norme

Piani di dimensionamento scolastico regionale 2021/22 approvati e pubblicati. AGGIORNATO con Veneto

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021. Preparati con CFIScuola!