Concorso dirigente scolastico, quali titoli saranno valutati. Max 30 punti

WhatsApp
Telegram

Pubblicato l’elenco dei docenti che hanno superato la prova scritta del concorso per diventare dirigente scolastico, si procede adesso alla dichiarazione e/o presentazione dei titoli posseduti.

L’elenco degli ammessi

Concorso dirigente scolastico: presentazione titoli

Gli interessati, ossia coloro i quali hanno superato lo scritto, devono dichiarare i titoli, tramite il portale Istanze Online, a partire dalle ore 9:00 dell’ 8 aprile 2019 e fino alle ore 14:00 del 24 aprile 2019.

Non tutti i titoli sono dichiarabili, alcuni infatti vanno presentati in quanto non possono non essere documentati con autocertificazione o dichiarazione sostitutiva. Concorso dirigente scolastico, quali titoli non si possono auto certificare. Come presentarli

Concorso dirigente scolastico: quali titoli

I titoli dichiarabili e/o presentabili sono quelli posseduti entro la data di presentazione delle domande di partecipazione al concorso, ossia il 29 dicembre 2017.

I titoli sono quelli indicati nella tabella A allegata al DM n. 138/2017 come modificata dall’errata corrige pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 21 ottobre 2017, n. 247.

Concorso dirigente scolastico: la tabella di valutazione

La summenzionata tabella di valutazione si articola in due sezioni:

  • A – titoli culturali
  • B – titoli professionali e di servizio

A- titoli culturali

B – titoli professionali e di servizio

Concorso dirigente scolastico: punteggio massimo titoli

L’articolo 12, comma 1, del DM 138/2017 così dispone:

Per la valutazione della prova scritta, di quella orale e per la
valutazione dei titoli, la Commissione del concorso ha a disposizione
un punteggio massimo pari rispettivamente a 100, 100 e 30 punti.

Il punteggio massimo attribuibile ai titoli, dunque, è pari a 30 punti.

Concorso dirigente scolastico, dichiarazione titoli dall’8 al 24 aprile tramite Istanze Online

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito