Concorso a cattedra in Valle d’Aosta, si procede all’assunzione dei vincitori senza attendere l’esito dei ricorsi. E nelle altre regioni?

di Lalla
ipsef

Lalla – In palio 65 posti per docente a tempo indeterminato, ma a superare tutte le selezioni sono stati in 23, e nessuno di loro è in possesso della specializzazione per il sostegno. In Valle d’Aosta ci si avvia alle immissioni in ruolo per l’a.s. 2013/14, senza attendere l’esito dei ricorsi. 

Lalla – In palio 65 posti per docente a tempo indeterminato, ma a superare tutte le selezioni sono stati in 23, e nessuno di loro è in possesso della specializzazione per il sostegno. In Valle d’Aosta ci si avvia alle immissioni in ruolo per l’a.s. 2013/14, senza attendere l’esito dei ricorsi. 

Le graduatorie di merito sono state pubblicate sul sito Webecole, suddivise per classe di concorso. 23 i candidati che hanno superato tutte le prove e si collocano in posizione utile per l’immissione in ruolo.

Il quotidiano AostaSera riferisce che la Regione ha deciso di non attendere l’esito dei contenzioni in corso, scelta sostenuta anche dai sindacati "Riteniamo preferibile evitare un danno certo, che si sarebbe venuto a creare procrastinando l’assunzione – ha comunicato Celi dello Snals – accettando di correre il rischio di un danno ipotetico, che verrebbe a crearsi nel momento in cui i risultati fossero annullati da una sentenza del Tar”.

Ricordiamo che la vicenda dei ricorsi avverso le disposizioni del bando in Valle d’Aosta era stata abbastanza contorta. I ricorsi presentati da circa 26 insegnanti al Tar d’Aosta contro i limiti temporali per l’acquisizione del titolo di studio utile per partecipare al concorso a cattedra è stato infatti rinviato al Tar Lazio. Di qui i tempi lunghi.

In tutte le regioni adesso i candidati che, pur ammessi con riserva, sono arrivati al traguardo finale dell’inserimento nella graduatoria, si chiedono quale decisione sarà assunta in merito dal Ministero. Posti accantonati? Immissioni in ruolo solo per coloro che non sono gravati da riserva? Attesa del giudizio di merito?

Al momento non filtra alcuna ipotesi dalle stanze del Ministero.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief voglioinsegnare