Concorso a Cattedra: il Tar Lazio riammette all’orale gli iscritti ANIEF che hanno raggiunto i 28/40 sommando alla prova pratica l’esito delle prove scritte

di Lalla
ipsef

Ufficio Stampa Anief – Ancora conferme dal TAR Lazio per l’ANIEF sull’ammissione alla prova orale dei candidati che, secondo il MIUR, non avevano superato la prova pratica o di laboratorio ma che, sommando il punteggio ottenuto nella prova laboratoriale a quello conseguito nelle precedenti prove scritte, hanno raggiunto comunque il punteggio di almeno 28/40 richiesto dalla normativa vigente per l’accesso all’orale.

Ufficio Stampa Anief – Ancora conferme dal TAR Lazio per l’ANIEF sull’ammissione alla prova orale dei candidati che, secondo il MIUR, non avevano superato la prova pratica o di laboratorio ma che, sommando il punteggio ottenuto nella prova laboratoriale a quello conseguito nelle precedenti prove scritte, hanno raggiunto comunque il punteggio di almeno 28/40 richiesto dalla normativa vigente per l’accesso all’orale.

Il MIUR ha illecitamente scorporato, con il D.D.G. n. 82/2012 di indizione del concorso a cattedra, le prove pratiche dalle precedenti prove scritte e preteso il raggiungimento del punteggio richiesto per l’ammissione alla prova orale valutando disgiuntamente il risultato della prova pratica da quella degli scritti; il D.Lgs. 297/94, invece, prevede che le prove siano valutate congiuntamente. L’Avv. Marco Di Pietro, con altri tre decreti monocratici emanati d’urgenza dal TAR Lazio in favore degli iscritti ANIEF, ha ottenuto l’ammissione con riserva alla prova orale di altri 53 candidati esclusi dal MIUR.

Gli aspiranti docenti che si sono rivolti con fiducia al nostro sindacato potranno ora proseguire l’iter concorsuale da cui il MIUR li aveva iniquamente esclusi ed accederanno alla prova orale così come prescritto dal legislatore; l’ANIEF, come sempre, ottiene piena tutela per le ragioni dei propri iscritti.

Versione stampabile
anief
soloformazione