Concorso a cattedra: TAR condanna Miur a pagare 1.000 euro per aver ingiustamente escluso docente

di redazione
ipsef

Una docente della prov. di Bari aveva inserito, attraverso “Istanze Online”, correttamente la domanda di partecipazione al concorso indetto con D.D.G. 106 del 22/03/2016 e ne riceveva  regolare conferma via E-mail. 

Una docente della prov. di Bari aveva inserito, attraverso “Istanze Online”, correttamente la domanda di partecipazione al concorso indetto con D.D.G. 106 del 22/03/2016 e ne riceveva  regolare conferma via E-mail. 

La stessa docente procedeva ad un secondo accesso per  verificare la correttezza dei dati inseriti, il sistema informatico prevedeva che, in questo caso, la domanda doveva essere annullata, pertanto l’insegnante, correttamente, inseriva per una seconda volta, correttamente la domanda ricevendone notifica. Al momento della pubblicazione dei candidati ammessi alla prova concorsuale, amaramente la docente non ritrovava il suo nome, senza mai aver ricevuto una comunicazione di esclusione. Invano l’insegnante si rivolgeva all’Ufficio Scolastico Regionale, dove le veniva laconicamente detto che non era più possibile provvedere all’inserimento tra i candidati.

A questo punto l’insegnante si è rivolta alla Gilda degli Insegnanti di Bari, dove è stata seguita dall’avvocato Raffaella Romano che consigliava di ricorrere immediatamente al TAR.

La sentenza non ha tardato ad arrivare e può far giurisprudenza. Il TAR Puglia infatti  non solo ha accolto il ricorso, permettendo alla docente di poter svolgere le prove concorsuali, con condanna alle spese del MIUR per € 1000,00, ma ha deciso il tutto con una SENTENZA SEMPLIFICATA (non con ordinanza cautelare), proprio perché la domanda era palesemente  fondata.

Di gran rilevo sono le riflessioni dei giudici del Tribunale, infatti viene censurato l’operato dell’amministrazione che ha escluso il candidato "senza alcuna motivazione, senza alcun funzionario della Pubblica  Amministrazione che abbia valutato il caso in esame” e soprattutto si invita il MIUR "pro futuro … di predisporre, unitamente a strumenti telematici in caso di procedure concorsuali, altresì procedure amministrative parallele di tipo tradizionale ed attivabili in via di emergenza, in caso di malfunzionamento dei sistemi informatici".

Si ritiene che tale sentenza debba essere da invito all’amministrazione a semplificare gli  strumenti informatici, che devono facilitare le procedure e non come spesso accade complicarle o addirittura indurre in errore. 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione