Concorso a cattedra: “ha” senz’acca, linguaggio social e congiuntivi in ordine sparso. Gli errori degli aspiranti docenti

di redazione
ipsef

item-thumbnail

A parlarne il “Messaggero Veneto” che ha riportato gli errori più eclatanti degli aspiranti insegnanti dell’infanzia in Friuli Venezia Giulia.

Secondo quanto riporta il quotidiano, gli ammessi al concorso sono stati meno di 700 (ben 3 su 4 non ce l’hanno fatta), molti gli errori che ne hanno decretato la bocciatura allo scritto.

Tra gli errori più eclatanti che sono stati evidenziati troviamo la perdita della lettera “H” nel verbo avere, pessimo uso della punteggiatura, doppie che saltano, cattivo utilizzo del congiuntivo e un linguaggio social inadatto alla circostanza (Xcheé, xke etc etc).

Riportate dal quotidiano anche alcuni esempi di errore: “Gli strumenti utilizzati ha un’importanza fondamentale“, oppure “il bambino a bisogno di… ” . o “la strutura è importante; ma lo è di più la didatica“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione