Concorso a cattedra per scuola primaria titolo di accesso maturità linguistica, una questione ancora aperta

di Lalla
ipsef

Lalla – La bozza di decreto sull’attivazione dei TFA speciali per il conseguimento dell’abilitazione potrebbe offrire una soluzione all’esclusione dal concorso dei candidati in possesso del diploma di maturità ad indirizzo linguistico conseguito all’interno dell’istituto magistrale entro l’a.s. 2001/02.

Lalla – La bozza di decreto sull’attivazione dei TFA speciali per il conseguimento dell’abilitazione potrebbe offrire una soluzione all’esclusione dal concorso dei candidati in possesso del diploma di maturità ad indirizzo linguistico conseguito all’interno dell’istituto magistrale entro l’a.s. 2001/02.

Il Ministero ha infatti indicato quali requisiti di accesso ai percorsi per il conseguimento dell’abilitazione nella scuola dell’infanzia e primaria (si tratta ancora di una bozza, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è attesa nei prossimi giorni)

  • diploma di scuola magistrale
  • di istituto magistrale
  • di titolo dichiarato equivalente nel Decreto ministeriale autorizzativo della sperimentazione, iniziati entro l’a.s. 1997/98 e conseguiti entro l’a.s. 2001/02

Il fatto che siano inclusi diplomi considerati equivalenti nel Decreto ministeriale autorizzativo della sperimentazione (art. 278 e 279 del Decreto Legislativo 297/1994) è importante, anche se gli USR hanno già predisposto l’esclusione dal concorso dei candidati incappati nella situazione indicata dalla nota ministeriale del 14 novembre 2012

"per essere valido il diploma deve riportare la dicitura maturità magistrale ad indirizzo linguistico. Ciò in quanto solo i diplomi che riportano l’indicazione "maturità magistrale" assicurano un idoneo percorso di studi e di preparazione all’insegnamento nelle scuole elementari, ora primarie. Infatti i vari percorsi "linguistici" consentono allo studente di approfondire la conoscenza e la padronananza comunicativa di tre lingue straniere ma non assicurano quelle conoscenze e competenze indispensabili per insegnare nella scuola primaria e caratterizzanti il percorso magistrale quali: scienze dell’educazione, didattica, educazione musicale, elementi di sociologia, ecc."

Il Ministero metterà in relazione le due situazioni? Lo escludiamo, a meno che la questione non stia a cuore ai sindacati.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione