Concorso a cattedra. Riduzione posti in Sicilia diventa una interrogazione parlamentare: Siragusa ne chiede il ripristino

Di
WhatsApp
Telegram

red – L’interrogazione è della siciliana Siragusa, On. del Partito Democratico, anch’essa rimasta sorpresa della decurtazine nel bando di concorso di ben 400 cattedre rispetto alle cifre ufficiali comunicate giovedì 20 settembre ai sindacati.

red – L’interrogazione è della siciliana Siragusa, On. del Partito Democratico, anch’essa rimasta sorpresa della decurtazine nel bando di concorso di ben 400 cattedre rispetto alle cifre ufficiali comunicate giovedì 20 settembre ai sindacati.

"Nel giro di un weekend – afferma la Siragusa – il Ministero taglia quasi 400 delle 1.600 cattedre comunicate ufficialmente giovedì scorso ai sindacati. Risultato: per il concorso nella scuola siciliana saranno disponibili 1.194 cattedre anziché 1.592. Un colpo di scena che i sindacati considerano "incredibile" e che, ancora una volta, penalizza pesantemente i precari e gli aspiranti insegnanti siciliani". Alla decurtazione, fa notare la Siragusa, hanno fatto da contraltare 301 posti in più in Lombardia e 172 in più in Piemonte

L’On del PD, nonchè membro della VII commissione cultura alla Camera, ha dunque chiesto al Ministro le ragioni "che hanno portato alla riduzione di quasi 400 posti per il concorso a cattedra in Sicilia nell’arco di qualche giorno e se non ritenga di dover ripristinare il numero di 1.592 cattedre comunicato ai sindacati in precedenza".

Distribuzione posti regione concorso docenti. Anief: "necessario un commissario ad acta". Stellacci: "non si è tenuto conto delle graduatorie"

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur