Concorso a cattedra: Miur tenta di bloccare inserimento non abilitati, CdS respinge. Anief: in 25mila ad attendere, il 19 maggio TAR prenda atto

Stampa

Il Miur ha presentato appello per il riesame dell'ordinanza con cui il Consiglio di Stato ha accolto l'istanza dei docenti laureati esclusi dalla procedura del concorso. Anief: la preoccupazione del Miur è che potrebbero partecipare alle prove scritte gli altri 25 mila che hanno presentato domanda.

Il Miur ha presentato appello per il riesame dell'ordinanza con cui il Consiglio di Stato ha accolto l'istanza dei docenti laureati esclusi dalla procedura del concorso. Anief: la preoccupazione del Miur è che potrebbero partecipare alle prove scritte gli altri 25 mila che hanno presentato domanda.

Il Consiglio di Stato respinge con ordinanza 1732/16 e dichiara inammissibile l'appello del Miur non essendoci nessun fatto nuovo, rimanendo impregiudicata l'esame del fumus in udienza pubblica sulla normativa vigente.

Ora il Tar Lazio – afferma Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal- prenda atto degli orientamento del CdS e accolga le richieste cautelari nei giudizi pendenti il 19 maggio prossimo e si predispongono sessioni suppletive.

L'ordinanza n. 1664/16 di rigetto del Tar Lazio era stata riformata con appello curato dagli avv. Galleano e De Michele con ordinanza n. 1600/16 dal Consiglio di Stato.

Si dia serenita' a chi deve sedersi per vedersi misurato il merito – conclude il sindacalista – poi il ricorso si celebri nei tribunali senza più clamori mediatici o pressioni di qualsiasi sorta.

Tutto sul concorso a cattedra

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur