Concorso a cattedra. Chiarimenti su: sedi, prove scritte, griglia di valutazione, ausili consentiti. Aggiornato

di
ipsef

red – Ieri, come anticipato dalla nostra redazione, il MIUR ha fornito ulteriori particolari sulle modalità di svolgimento della prova scritta del concorso a cattedra. Dai resoconti sindacali: a ciascun candidato un foglio con quattro facciate prestampate, ognuna per quesito. Punteggio per superare l’esame 28 o 21 punti, a seconda del tipo di prova. Tempo a disposizione 2 ore e trenta. RSU esclusi da commissione

red – Ieri, come anticipato dalla nostra redazione, il MIUR ha fornito ulteriori particolari sulle modalità di svolgimento della prova scritta del concorso a cattedra. Dai resoconti sindacali: a ciascun candidato un foglio con quattro facciate prestampate, ognuna per quesito. Punteggio per superare l’esame 28 o 21 punti, a seconda del tipo di prova. Tempo a disposizione 2 ore e trenta. RSU esclusi da commissione

Sedi di svolgimento delle prove scritte

Il numero di edifici scolastici coinvolti per lo svolgimento della prova si aggirano tra 300 e 500. Il 25 gennaio sarà pubblicato l’elenco effettivo per ciascuna regione delle scuole individuate dagli uffici scolastici regionali. Come previsto nel bando di concorso, si è provveduto ad aggregare le procedure concorsuali relativi agli ambiti 4 e 9 per Molise ed Abruzzo, a causa del numero esiguo di candidati. Le prove si svolgeranno nel capoluogo di regione abruzzese. 

Chiarimenti sulle prove scritte

Le prove scritte consisteranno in quesiti a risposta aperta (quattro o tre a seconda delle classi di concorso) e verteranno sui programmi disciplinari allegati al bando e sui contenuti trasversali indicati nelle avvertenze generali e tenderanno ad accertare il possesso dei requisiti professionali e culturali dei candidati.

A ciascun candidato sarà dato, subito dopo le operazioni di identificazione, un foglio di quattro facciate prestampate, ognuna per ciascun quesito.

Saranno messi a disposizione del candidato fogli bianchi per eventuali brutte copie che però dovranno essere tenuti distinti dal foglio della prova e non inseriti nel plico da consegnare al termine della prova stessa (pena la nullità della prova stessa). 

La risposta a ciascun quesito dovrà essere di 22 righe [secondo fonte Cisl]

Resta ancora aperto il problema dell’accertamento della lingua inglese nella prova della scuola primaria. Deciderà il Comitato tecnico scientifico se destinare uno dei 4 quesiti, oppure una parte di ogni quesito. 

Griglia per la valutazione e punteggio

Ogni commissione avrà a disposizione per la valutazione della prova scritta una griglia contenente i criteri definiti livello nazionale quali: pertinenza, correttezza linguistica, completezza e originalità. Ed eventualmente di criteri specifici, differenziati per le diverse aree disciplinari.

Ad ogni commissione sarà data possibilità di integrare o modificare i criteri proposti in sede nazionale, giustificando le ragioni dei cambiamenti apportati.

Ad ogni quesito verrà attribuito un punteggio intero da 0 a 10. La valutazione complessiva della prova sarà data dalla somma delle votazioni attribuite a ciascun quesito. Le prove composte da quattro quesiti potranno quindi dar luogo ad una votazione massimo pari a 40, quelle composte da tre quesiti erano invece luogo ad una votazione massima pari a 30. Superano la prova candidati che tengono una votazione minima pari a 28/ 40 nel caso di prove da quattro quesiti, 21/30 nel caso di prove composte da tre quesiti.

Tempo a disposizione

  • per le prove composte da quattro quesiti: due ore e 30 minuti
  • per le prove composte da tre quesiti: due ore

Chi prepara le prove 

Saranno definite  in sede nazionale dal comitato tecnico scientifico presieduto dalla Prof. Aiello dell’Università di Roma Uno che inserirà tali prove direttamente nel sito del CINECA identificandole con le lettere A, B, C, senza interventi a livello del Miur, nemmeno del Ministro. Quest’ultimo provvederà in sede nazionale personalmente al sorteggio della lettera. Solo dopo tale momento i quesiti saranno inviati per via telematica alla commissione regionale. 

Ausili consentiti

Per tutte le prove sarà consentito l’uso del dizionario della lingua italiana

Per la prova della classe di concorso A019 sarà consentito l’uso di codici e testi di legge non commentate e non annotati.

Per le prove delle classi di concorso A017, A020, A033, A034, A047, A049, A059, A060, C430 sarà consentito l’uso di riga, squadre, gomma, matite, compasso.

Per le prove della classe di concorso A245, A246, A345, A346 e per la prova scritta per la scuola primaria sarà consentito l’uso di dizionario mono lingue non enciclopedico.

Per la prova della classe di concorso A051, sarà consentito l’uso del dizionario di lingue italiano/ latino.

Per la prova di classe di concorso A052 sarà consentito l’uso del dizionario bilingue italiano/greco

Non sarà ammesso l’uso di calcolatrici di qualsiasi tipo, fatto salvo l’uso della calcolatrice scientifica nelle classi di concorso previste nell’allegato tre del bando

I candidati dovranno consegnare a docenti incaricati della vigilanza, pena di esclusione, ogni tipo di telefono cellulare, smartphone, tablet, notebook, anche se disattivati, e qualsiasi altro strumento idoneo alla conservazione e/o trasmissione di dati

Sulla questione della incompatibilità dei docenti RSU come componenti delle commissioni giudicatrici, il MIUR ha consultato in merito la Funzione Pubblica, comunicherà alle Direzioni Regionali di escludere i docenti RSU in quanto incompatibili.

Documenti 

Il candidato dovrà esibire un documento di identità in corso di validità (non è necessario il codice fiscale). 

Le Commissioni 

Le Commissioni saranno determinate tramite un sorteggio a livello nazionale che si terrà il 22 gennaio.  Sulla questione della incompatibilità dei docenti RSU come componenti delle commissioni, il Miur ha consultato in merito la Funzione Pubblica, che ha dato parere contrario, per una nota Aran del 2011 che equipara i rappresentanti RSU a dirigenti sindacali. Non sarà previsto l’esonero per i commissari con indennità di funzione molto ridotte. 

Il comunicato del Ministero

Concorso a cattedra: dall’11 al 21 febbraio le prove scritte. 4 quesiti e 2,5 ore di tempo

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione