Concorso a cattedra infanzia e primaria: TAR riammette docenti esclusi per errore del Miur

di redazione
ipsef

Il TAR Puglia, con sentenza n. 892/2016, ha annullato gli elenchi pubblicati in data 13 maggio 2016 dall'USR Puglia, relativi ai candidati che dovevano sostenere le prove scritte per la scuola dell'infanzia e primaria nell'ambito della procedura concorsuale in atto. 

Il TAR Puglia, con sentenza n. 892/2016, ha annullato gli elenchi pubblicati in data 13 maggio 2016 dall'USR Puglia, relativi ai candidati che dovevano sostenere le prove scritte per la scuola dell'infanzia e primaria nell'ambito della procedura concorsuale in atto. 

La sentenza scaturisce dal ricorso di alcuni candidati, che hanno presentato domanda di partecipazione al concorso – tramite Istanze Online- per la scuola dell'infanzia e primaria e che non sono stati inseriti negli elenchi dei partecipanti alla prova scritte per la scuola dell'infanzia, mentre risultavano inseriti solamente in quelli per la scuola primaria.

Premesso che i candidati erano in possesso del titolo per partecipare ad entrambe le procedure, il Giudice ha accolto il loro ricorso anche perché agli stessi non è stata fornita alcuna comunicazione e alcuna motivazione dell'esclusione: hanno solo preso atto di quest'ultima, scorrendo gli elenchi degli ammessi alla prova scritta, pubblicato sul sito dell'USR.

Il fatto che la procedura sia informatica e telematica, si legge nella sentenza, non significa che non debbano essere applicati i principi caratterizzanti l'azione amministrativa, ossia la motivazione di qualsiasi atto emanato: l'utilizzo dello strumento informatico e dei mezzi di comunicazione telematica, recita la sentenza, debbano categoricamente essere considerati come serventi rispetto all'attività amministrativa

Per le motivazione summenzionata il ricorso è stato accolto e la sentenza deve essere eseguita dall'autorità amministrativa.

Cosa succederà adesso? I candidati precedentemente esclusi dovranno svolgere le prove in sessioni suppletive? L'Amministrazione farà orecchie da mercante? Difficile ipotizzare lo scenario cui darà luogo la citata sentenza.

Considerato che la procedura di ammissione alla prova orale è simile, ossia vengono informati tramite mail i docenti ammessi e quelli non ammessi apprendono del risultato dagli elenchi pubblicati sui siti degli Uffici Scolastici Regionali, non osiamo immaginare cosa possa succedere.

Considerati gli esiti degli scritti e i numerosissimi candidati non ammessi, è sempre consigliabile chiedere accesso agli atti. Qui trovi il modello messo a disposizione dall'Anief.

La sentenza pubblicata da DirittoScolastico.it

Tutto sul concorso

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare