Concorso a cattedra e TFA III ciclo. Chimienti (M5S): il Ministro ci dica le date esatte

Stampa

Dopo l'euforia per il piano straordinario di immissioni in ruolo per l'a.s. 2015/16, rimane da pensare a coloro che sono nelle Graduatorie ad esaurimento, ai docenti abilitati delle graduatorie di istituto, e alla formazione dei nuovi docenti (TFA).

Dopo l'euforia per il piano straordinario di immissioni in ruolo per l'a.s. 2015/16, rimane da pensare a coloro che sono nelle Graduatorie ad esaurimento, ai docenti abilitati delle graduatorie di istituto, e alla formazione dei nuovi docenti (TFA).

In una ricca interrogazione presentata dall'On. Chimienti, il M5S fa notare che nonostante le diverse rassicurazioni del Ministro Giannini sulla emanazione del bando entro il 1 o dicembre 2015, tra cui quella rilasciata durante la visita a «Job&Orienta» a Verona in cui ha asserito che: «il 1 o dicembre è martedì prossimo, se non sarà il 1 o sarà il 2, ma siamo in dirittura d'arrivo», ad oggi il bando del concorso non è ancora stato pubblicato

Dunque, non si potrà più parlare di concorso a cattedra 2015, ma 2016.

Il motivo dello slittamento del concorso a cattedra viene ricondotto al farraginoso quanto affrettato iter dello schema di regolamento recante «Disposizioni per la razionalizzazione ed accorpamento delle classi di concorso a cattedre e a posti di insegnamento» ai sensi dell'articolo 64, comma 4, lettera a), del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133;

Lo schema di regolamento succitato, approvato a giudizio degli interroganti senza i necessari approfondimenti dalle Commissioni cultura di Camera e Senato, risulta contenere diverse imprecisioni e incongruenze che riguardano gli accorpamenti di alcune classi, i titoli di accesso e i crediti riconosciuti;

Successivamente al concorso a cattedra del 2016, secondo quanto contenuto nel testo della succitata delega inserita nella legge 107 del 2015 l'accesso alla professione di docente non avverrà più attraverso i percorsi abilitanti tuttora vigenti bensì sostenendo nuove tipologie di concorsi a cui seguiranno periodi di tirocinio a scuola di durata triennale;

A seguito dell'assunzione dei vincitori del concorso del 2016, resteranno iscritti nella seconda fascia delle graduatorie d'istituto circa 140mila docenti abilitati, selezionati e formati tramite i percorsi TFA e PAS e in possesso di numerosi anni di servizio nella scuola, per i quali ad oggi non è stato previsto dal Governo alcun periodo transitorio intercorrente tra il concorso del 2016 e l'entrata in vigore del nuovo sistema di formazione e reclutamento docenti;

recentemente il Ministro Giannini ha pubblicamente dichiarato che nei prossimi mesi verrà attivato un terzo ciclo di Tirocinio formativo attivo;

i docenti che si abiliteranno a seguito del terzo ciclo di Tirocinio formativo attivo non potranno neppure partecipare al concorso a cattedra del 2016 e resteranno esclusi da qualsivoglia possibilità di immissione in ruolo e di spendibilità di un titolo conseguito a seguito di una rigorosa procedura selettiva;

stando alle norme attuali e al contenuto della legge 107 del 2005, i docenti iscritti nella seconda fascia delle graduatorie d'istituto che non risulteranno vincitori del concorso 2016 e che hanno speso una media di 3mila euro per abilitarsi, seguendo percorsi impegnativi fatti di esami e tirocinio, dovranno ripartire da zero con i nuovi concorsi insieme ai neolaureati, affrontando un ulteriore triennio di tirocinio a scuola

Il M5S chiede quindi di sapere

  • quali siano i numeri precisi dei docenti delle graduatorie ad esaurimento ancora in attesa di immissione in ruolo, in che tempi e in che modalità si procederà alla loro assunzione;
  • se il Ministro interrogato abbia stabilito un'imminente data da rispettare per l'emanazione del bando per il concorso a cattedra, già ad oggi notevolmente fuori tempo massimo stabilito per legge e fissato per il 1 o dicembre 2015;
  • quali urgenti e necessarie iniziative intenda intraprendere a tutela dei circa 140 mila docenti precari che resteranno esclusi dalle assunzioni a seguito del concorso a cattedra di cui in premessa;
  • se non ritenga opportuno assumere iniziative per prevedere una fase transitoria nel periodo intercorrente tra il concorso 2016 e l'entrata in vigore del nuovo sistema di formazione e reclutamento dei docenti, al fine di tutelare i docenti in possesso di abilitazione garantendo loro nuove procedure concorsuali riservate o nuove modalità di immissione in ruolo e di valorizzare il loro titolo abilitante;
  • in quali tempi e con quali prospettive per i futuri abilitati verrà emanato il bando di concorso per il III ciclo di tirocinio formativo attivo.

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!