Concorso a cattedra: dove presentarsi e a che ora. Un chiarimento

di Lalla
ipsef

Lalla – Ieri 06 dicembre il Ministero ha diramato un avviso che ha messo in allarme i candidati, poichè afferma che bisogna controllare fino alla fine possibile variazioni del giorno e della sede assegnata per lo svolgimento della preselettiva del concorso. In serata ha poi chiarito che "qualche variazione sarà dovuta esclusivamente ad eventuali eventi atmosferici o ad altri eventi comunque esterni al meccanismo del concorso stesso". Ma già alcuni candidati lamentano disservizi. E non è chiaro a che ora è necessario presentarsi per lo svolgimento della prova.

Lalla – Ieri 06 dicembre il Ministero ha diramato un avviso che ha messo in allarme i candidati, poichè afferma che bisogna controllare fino alla fine possibile variazioni del giorno e della sede assegnata per lo svolgimento della preselettiva del concorso. In serata ha poi chiarito che "qualche variazione sarà dovuta esclusivamente ad eventuali eventi atmosferici o ad altri eventi comunque esterni al meccanismo del concorso stesso". Ma già alcuni candidati lamentano disservizi. E non è chiaro a che ora è necessario presentarsi per lo svolgimento della prova.

L’avviso del Miur del 06 dicembre mattina

"Si avvisano i candidati che il calendario della prova preselettiva potrebbe subire delle modifiche per sopraggiunta indisponibilità delle aule o per cause di forza maggiore legate all’organizzazione della prova medesima.

Si invitano, pertanto, i candidati a voler controllare il calendario fino alla data prevista per lo svolgimento della prova."

L’avviso del 06 dicembre pomeriggio

"Il calendario delle prove dunque resta confermato. I candidati, come sottolineato dalla nota pubblicata oggi sul sito del Miur, sono invitati a titolo puramente precauzionale, e come già indicato nello stesso bando di concorso, a controllare il calendario personale fino alla data prevista dello svolgimento della prova. Dato l’elevato numero dei partecipanti e degli istituti coinvolti, l’indicazione delle aule potrebbe subire – seppur in casi isolati – qualche variazione dovuta esclusivamente ad eventuali eventi atmosferici o ad altri eventi comunque esterni al meccanismo del concorso stesso."

In ogni caso già alcuni candidati hanno potuto appurare le modifiche relative alla sede.

Rimane il problema dell’ora in cui presentarsi per svolgere la prova preselettiva del concorso.

Nell’avviso del 06 dicembre il Ministero indica semplicemente

"La mancata presentazione nel giorno, ora e sede stabiliti, comunque giustificata e a qualsiasi causa dovuta, comporta l’esclusione dal concorso sulla base di quanto disposto all’art. 5 comma 8 del bando di concorso."

L’art. 5 comma 8 al quale l’avviso rimanda indica

"8. L’avviso di cui al comma 7 ha valore di notifica a tutti gli effetti. I candidati che non ricevono comunicazione di esclusione dal concorso sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova di preselezione secondo le indicazioni contenute nel predetto avviso, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità e del codice fiscale. La mancata presentazione nel giorno, ora e sede stabiliti, comunque giustificata ed a qualsiasi causa dovuta, comporta l’esclusione dal concorso. Qualora, per cause di forza maggiore sopravvenute, non sia possibile l’espletamento di una o più sessioni della prova preselettiva nelle giornate programmate, ne viene stabilito il rinvio con comunicazione, anche in forma orale, ai candidati presenti."

Pertanto, in base a queste indicazioni è necessario presentarsi nel nel giorno, ora e sede stabiliti nell’avviso diramato dal Ministero, che ha a tutti gli effetti valore di notifica.

Qualche candidato avanza l’ipotesi che valga invece quanto stabilito all’art. 11 comma 3, in cui si afferma "3. I candidati si devono presentare nelle rispettive sedi di esame in tempo utile, tenendo conto che le operazioni di appello e di identificazione hanno inizio alle ore 8.00. È escluso dal concorso il concorrente che non si presenta nel giorno, luogo e ora stabiliti."

Ma appare verosimile che tale indicazione nel bando faccia riferimento all’art. 2 dello stesso articolo, che disciplina lo svolgimento della prova scritta.

In mancanza di una indicazione univoca il consiglio è quello di chiedere informazioni presso le scuole alle quali ogni candidato è stato associato. Se non conoscono la risposta, si faranno portavoce dell’esigenza di avere un chiarimento univoco, pur di non ritrovarsi tutti i candidati alle 8.00 del mattino davanti ai cancelli della scuola, se non espressamente previsto. 

Versione stampabile
anief
soloformazione