Concorso a cattedra. Chimienti (M5S): Giannini ammetta fallimento e indica piano straordinario immissioni in ruolo

di redazione
ipsef

L'On. Chimienti (M5S) risponde alle dichiarazioni del Ministro Giannini sui tempi del concorso a cattedra, in pieno svolgimento.

L'On. Chimienti (M5S) risponde alle dichiarazioni del Ministro Giannini sui tempi del concorso a cattedra, in pieno svolgimento.

Ha detto infatti il Ministro "Il concorso sta andando avanti nel rispetto dei tempi della fisiologia delle prove, gli scritti son finiti, gli orali sono a luglio. Mi sembra che sia un segnale di efficacia e di efficienza della macchina."

Concorso scuola docenti. Giannini: abbiamo rispettato i tempi, i 63.700 vincitori abbatteranno di 10 anni età media insegnanti

La risposta dell'On. Chimienti

MINISTRO GIANNINI, MA CHE FILM HA VISTO?

Lasciano veramente di stucco queste dichiarazioni della Giannini riguardo al concorso a cattedra.

Quali tempi sono stati rispettati?

Lo sa, il ministro Giannini, che per moltissime classi di concorso non sono neppure iniziate le correzioni degli scritti?

Lo sa che la situazione è estremamente eterogenea nelle varie regioni d'Italia?

Lo sa che gli USR non forniscono notizie certe in merito ai tempi di espletamento delle prove pratiche e degli orali?

Lo sa che siamo al 22 giugno?

Lo sa che questo concorso, stando ai primi risultati delle prove scritte pubblicati dagli USR di alcune regioni, assumerà meno docenti dei posti messi a bando?

Ma, soprattutto, come può vantarsi di assumere giovani (con età media di 39 anni) a fronte di una classe docente che è la più anziana d'Europa?

Ministro Giannini, è un bel film quello che vorrebbe vendere ai media.

Sarebbe però molto meglio ammettere il fallimento di questo concorso e indire immediatamente un piano pluriennale di immissione in ruolo di tutti i docenti abilitati.

Basta giocare e fare propaganda, ministro Giannini, passate ai fatti o scomparirete presto.

Ps: il 25 e 26 giugno andate a firmare i referendum sociali nelle piazze. E ogni giorno nei municipi. Riprendiamoci la scuola.

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare