Concorso a cattedra: anche per il Consiglio di Stato la prova di inglese nella primaria non era obbligatoria

di Lalla
ipsef

Anief – L’ordinanza 3575/13 del Consiglio di Stato segue quelle positive ottenute dall’ANIEF al Tar Lazio che hanno permesso la partecipazione alle prove orali con riserva dei ricorrenti che avevano ottenuto 21/30 alle altre prove scritte in virtù dell’art. 400 del D.lgs. 297/94.

Anief – L’ordinanza 3575/13 del Consiglio di Stato segue quelle positive ottenute dall’ANIEF al Tar Lazio che hanno permesso la partecipazione alle prove orali con riserva dei ricorrenti che avevano ottenuto 21/30 alle altre prove scritte in virtù dell’art. 400 del D.lgs. 297/94.

L’ANIEF ricorda che sono ancora aperti i termini per ricorrere e invita tutti i candidati che sono stati o saranno esclusi dall’ammissione agli orali per la scuola primaria per colpa della valutazione della prova in lingua inglese a inviare una mail a [email protected] con i propri dati anagrafici, la data degli orali, la data di pubblicazione degli elenchi, al fine di ricevere le istruzioni operative per il ricorso, indicando nell’oggetto: “inglese e ammissione agli orali”, entro 10 giorni dalla pubblicazione degli elenchi degli esclusi (o altra comunicazione che attesti la mancata ammissione agli orali) o comunque non oltre 50 giorni dalla loro pubblicazione, fermo restando la procedibilità del ricorso legata ai tempi di notifica prima dello svolgimento degli orali.

Per conoscere il voto complessivo ottenuto al termine delle prime tre prove scritte è possibile inviare l’istanza di accesso agli atti che ANIEF invierà insieme alle istruzioni per ricorrere.

Versione stampabile
anief anief voglioinsegnare