Concorso a cattedra: al via le prove scritte. Dubbi e timori dei candidati sulle graduatorie ad esaurimento, nomine in ruolo e prossimi concorsi

Di Lalla
Stampa

Lalla – Oggi alle 8 le procedure di identificazione per i candidati della classe di concorso A034 Elettronica e A019 Discipline giuridiche, nel pomeriggio si svolgerà la prova di Filosofia per A036 e A037. Dissipiamo i timori dei candidati: un insucesso non avrà conseguenze sui prossimi concorsi, nè ripercussioni sulle graduatorie ad esaurimento. E’ anche possibile non presentarsi ad una delle classi di concorso scelte nella domanda di partecipazione, privilegiando quella in cui si è maggiormente preparati. 

Lalla – Oggi alle 8 le procedure di identificazione per i candidati della classe di concorso A034 Elettronica e A019 Discipline giuridiche, nel pomeriggio si svolgerà la prova di Filosofia per A036 e A037. Dissipiamo i timori dei candidati: un insucesso non avrà conseguenze sui prossimi concorsi, nè ripercussioni sulle graduatorie ad esaurimento. E’ anche possibile non presentarsi ad una delle classi di concorso scelte nella domanda di partecipazione, privilegiando quella in cui si è maggiormente preparati. 

I timori più diffusi alla vigilia del concorso

1) Se non supero la prova scritta, potrò partecipare agli altri eventuali concorsi in futuro?

La risposta è affermativa, si potrà partecipare ai prossimi concorsi (per i quali al momento non vi è normativa). Il timore si è diffuso in seguito alla presentazione della bozza del nuovo reclutamento da parte del Ministro Profumo, che avrebbe dovuto ricevere il parere del CNPI entro il 20 dicembre 2012, ma che si è arenato.

Tale bozza conteneva una clausola "imbarazzante": Il mancato superamento di una procedura concorsuale non consente la partecipazione a quella indetta nel biennio successivo per lo stesso posto o classe di concorso.

La disposizione vorrebbe "evitare all’amministrazione l’inutile gravame anche economico, di soggetti che si presentino alle prove senza adeguata preparazione, stante, a maggior ragione, la stabilita periodicità delle medesime, in analogia con quanto già previsto per le abilitazioni scientifiche all’insegnamento universitario."

Tale disposizione al momento non è ancora normativa, pertanto non è applicabile al concorso in svolgimento, ma potrebbe riguardare unicamente i concorsi attivati sulla base di una nuova normativa.

2) Se non supero le prove del concorso decado anche dalla graduatoria ad esaurimento?

La partecipazione al concorso e di conseguenza la vincita o meno non ha riflessi sulla posizione della graduatoria ad esaurimento. Il concorso infatti si svolge per garantire il 50% delle immissioni in ruolo, per cui la partecipazione va riferita unicamente a ciò. Chi partecipa può solo aumentare del 50% la possibilità di essere immesso in ruolo (stante che le graduatorie del precedente concorso decadranno con le nuove graduatorie). Il Ministero in una FAQ ha cercato di chiarirlo con una FAQ del 28 dicembre 2012

"I posti messi a concorso sono il 50% dei posti che si prevedono disponibili a seguito del turn-over del corpo docente che si verificherà negli anni 2013-14 e 2014-15 nelle regioni previste dal bando, condizione questa necessaria per ottenere l’autorizzazione del MEF. Ovviamente l’altro 50% è destinato allo scorrimento delle graduatorie ad esaurimento. Le due procedure di reclutamento sono distinte e fanno seguito ad autonomi percorsi di selezione"

3) Poichè si partecipa al concorso senza conoscere in quale provincia saranno dislocati i posti disponibili, sarà possibile rinunciare all’eventuale nomina se non risulterà gradita?

La risposta è affermativa. Al momento non è possibile conoscere in quali province saranno disponibili i posti messi a concorso perchè questi sono legati alla determinazione degli organici, delle cessazioni e dei trasferimenti che vengono definiti annualmente.

Qualora si rinuncia ad una proposta di nomina dalle graduatorie del concorso, la graduatoria continua a scorrere. Il candidato rinunciatario, ovviamente, decade dalla stessa. La rinuncia non ha effetti sulla graduatoria ad esaurimento.

4) Può partecipare alla prova scritta anche chi non ha fatto ricorso contro il punteggio della preselettiva?

La risposta è negativa. Coloro che non hanno superato la prova preselettiva e non hanno presentato ricorso non possono svolgere la prova scritta.

Hanno accesso alla prova scritta del concorso docenti di cui al DDG n. 82 del 24 settembre 2012

1) coloro che compaiono negli elenchi ufficiali pubblicati dagli USR e che quindi hanno superato la preselettiva (che abbiano titolo a partecipare al concorso, che siano ammessi con riserva è questione non pertinente al momento)

2) coloro che pur non avendo superato la prova preselettiva sono in possesso di istanza cautelare o decreto monocratico del giudice che li ammette con riserva alla prova scritta. (si raccomanda di controllare il sito dell’USR di riferimento per conoscere la sede)

Al di fuori di queste condizioni non si può accedere alle prove scritte, in quanto le ordinanze emanate sono individuali, nominative i (e infatti alla prova è richiesto di portare con sè copia del decreto del giudice, da cui si evince il proprio nome, per gli opportuni controlli)

5) Ho presentato la domanda per più classi di concorso/ posti di insegnamento. Non mi sento preparato per tutte, posso rinunciare ad una?

Sì, è possibile rinunciare ad una delle classi di concorso selezionate nella presentazione della domanda, senza effetti sulle altre. Ad es. molti candidati hanno titolo per partecipare sia per infanzia e/o primaria che classi della scuola secondaria.

La mancata partecipazione ad infanzia e primaria, o solo ad una delle due, non implica nulla per le prove della secondaria. Allo stesso modo chi ha scelto di partecipare sia per infanzia che primaria, potrebbe decidere di partecipare solo per una delle due. Altro es.: molti candidati partecipano per A033 e Ambito 1 (A025-A028), si può decidere di partecipare solo all’ambito 1 senza conseguenze per A033 e viceversa. Ovviamente le classi di concorso per ambito sono inscindibili.

Il bando afferma all’art. 3 "E’ escluso dal concorso il concorrente che non si presenta nel giorno, luogo e ora stabiliti".

Dal concorso deve essere inteso come "dalla singola classe di concorso o ambito" la cui prova si svolge in quella giornata.

In bocca al lupo a tutti i candidati.

Il calendario

Nuovo calendario per le prove previste per 11 e 12 febbraio 2013

Stampa

Eurosofia organizza la III edizione di [email protected] Aiutiamo i giovani a progettare il loro futuro in modo consapevole