Concorso a cattedra 2016: solo 5.776 posti per il sostegno. Dimezzati rispetto alle anticipazioni

Stampa

Concorso a cattedra 2016. Il Consiglio dei Ministri ha autorizzato il decreto per lo svolgimento del concorso a cattedra 2016, con l'indicazione del numero dei posti totali da destinare alla procedura.

Concorso a cattedra 2016. Il Consiglio dei Ministri ha autorizzato il decreto per lo svolgimento del concorso a cattedra 2016, con l'indicazione del numero dei posti totali da destinare alla procedura.

Stupore per il numero esiguo dei posti di sostegno preventivati che, tra l'altro, dovranno essere suddivisi tra i 4 ordini di scuola.

Sappiamo che è intenzione del Ministero emanare 3 distinti bandi (ma a questo punto non ci stupirebbe se fossero 4, dato l'inserimento di posti anche per il potenziamento), uno per infanzia/primaria, secondaria I e II grado, sostegno.

Ma sono i numeri a disposizione per il sostegno a lasciare perplessi: solo 5.776 da distribuire tra i quattro ordini di scuola, a fronte dei 10.900 anticipati e a quanto pare anche già autorizzati dal MEF.

Ricordiamo che alle prove per il concorso sui posti di sostegno si potrà accedere se in possesso del titolo di specializzazione relativo all'ordine di scuola per il quale si chiede di partecipare (comma 110 art. 1 legge 107/2015).

Eppure la penuria di insegnanti di sostegno specializzati è un fenomeno palpabile nelle nostre scuole (un docente su 4 è precario) tanto da dover assegnare supplenze anche a docenti non specializzati e perfino non abilitati. Sono inoltre in aumento i ricorsi ai tribunali per ottenere l'aumento delle ore di sostegno, solitamente negate dall'Amministrazione. Il Miur stesso ha ammesso che non tutte le ore di sostegno non sono coperte.

Non ci si spiega allora questo passo indietro, che dovrà essere sicuramente spiegato dal Miur.

Concorso docenti scuola 2016: ecco il decreto 63.712 posti totali, 5mila su posti di potenziamento, dimezzato il sostegno. Adesso i bandi

Tutto sul concorso a cattedra

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 31 dicembre 2021. Il 9 novembre ne parliamo in diretta. Registrati al webinar