Concorso a cattedra 2016 : il punteggio non inferiore ai 7/10 ha determinato un aumento del numero di docenti bocciati. Lettera

Stampa

Il MIUR nel concorso a cattedra del 2012 aveva previsto per il superamento della prova pre-selettiva un punteggio non inferiore ai 7/10: questa soglia aveva determinato l’esclusione di molti candidati che in seguito a un ricorso presentato al TAR, hanno potuto proseguire l’iter concorsuale.

Il MIUR nel concorso a cattedra del 2012 aveva previsto per il superamento della prova pre-selettiva un punteggio non inferiore ai 7/10: questa soglia aveva determinato l’esclusione di molti candidati che in seguito a un ricorso presentato al TAR, hanno potuto proseguire l’iter concorsuale.

Successivamente, i relativi vincitori del concorso sono stati immessi in ruolo. In seguito all’appello presentato dal MIUR al Consiglio di Stato, queste assunzioni rischiano di decadere : infatti, l’orientamento dei giudici sembra essere opposto a quello dei giudici del TAR, ossia quello di ritenere legittima la suddetta soglia.

Ora, al di là di come si esprimeranno nel merito i giudici del Consiglio di Stato sulla legittimità di tale soglia, è evidente che questa incida in modo importante sull’esito positivo del concorso. Se nel 2012 questa soglia poteva avere la funzione di una prima selezione dei candidati, non si capisce nell’attuale concorso quale funzione possa avere : infatti, in molte classi di concorso i posti disponibili sono superiori al numero di candidati.

Quindi, questa soglia (7/10) per ciascuna prova ha probabilmente determinato un forte incremento del numero di candidati non ammessi. Infatti, tutti i candidati che hanno ottenuto un punteggio inferiore ai 7/10 ma pari o superiore ai 6/10, risultano non idonei.

Ma questo aspetto è sottaciuto dalla maggior parte degli organi di informazione.

Piero Aguti

Stampa

Dattilografia + ECDL: 1,60 punti per il personale ATA a soli 160€!