Concorso a cattedra 2015: PD chiede quota riservata per insegnanti con 36 mesi di servizio

di Lalla
ipsef

L'altra faccia della medaglia dei provvedimenti in discussione in Parlamento attraverso il DDL Scuola è il concorso a cattedra 2015. Ancora top secret i requisiti di accesso, il PD punta alla valorizzazione dei docenti con almeno 36 mesi di servizio.

L'altra faccia della medaglia dei provvedimenti in discussione in Parlamento attraverso il DDL Scuola è il concorso a cattedra 2015. Ancora top secret i requisiti di accesso, il PD punta alla valorizzazione dei docenti con almeno 36 mesi di servizio.

Facciamo un passo indietro, a quel decreto legge che avrebbe dovuto essere presentato in Consiglio dei Ministri il 3 marzo e che invece non è mai approdato in aula. In esso vi era già la prospettiva di una quota di posti riservata a "iscritti nelle Graduatorie di istituto che possano vantare più di 36 mesi di servizio nelle scuole statali, su posti comuni o curricolari o di sostegno, vacanti e disponibili, dall'a.s. 2009/10 all'a.s. 2014/15".

Nel DDL Scuola del 12 marzo tutto il discorso sul concorso è stato abbandonato e destinato a provvedimenti successivi, in attesa probabilmente di ulteriori chiarimenti anche da parte dell'Avvocatura dello Stato sui requisiti di accesso.

Ma è indubbio che rimane il primo dei provvedimenti collegati al piano straordinario di assunzioni previsto per settembre 2015. Se infatti il piano lascerà fuori dagli incarichi a tempo indeterminato gli abilitati di II fascia delle graduatorie di istituto, ad essi dovrà essere offerta nell'immediato una risposta concreta alle richieste di stabilizzazione. E questa risposta, per il Ministero, si chiama concorso a cattedra (prova preselettiva, prova scritta e prova orale).

Ma bisogna fare le cose per bene e per questo motivo in casa PD si sta pensando di riservare una quota di posti e di prevedere l'esonero dalla prova preselettiva.

Non a tutti gli abilitati in maniera indistinta, ma come ha chiarito la Sen. Puglisi su Tweeter ai docenti che le chiedevano info "la riserva, se il parlamento la approverà su nostra proposta, è per chi ha 36 mesi di servizio".

Dunque, si ritorna all'originaria proposta del fu decreto legge, ci auguriamo epurata da assurdi vincoli temporali. Da capire inoltre se la proposta sarà riservata solo agli abilitati o anche a chi non è in possesso di abilitazione ma rientra nelle categorie di personale che può accedere al concorso (se il Ministero vorrà insistere nel riproporre lo sbarramento all'a.a. 2001/02 per anno di laurea, anche se già ampiamente smentito nei tribunali e dal Consiglio di Stato). *** Aggiornamento Concorso a cattedra 2015. Solo per abilitati, quota riservata 36 mesi, no prova preselettiva. Ipotesi negli emendamenti del PD

La quota di posti riservata potrebbe aggirarsi tra il 40 e 50%.

Di valorizzazione dei percorsi ha parlato anche il Ministro Giannini in un intervento radiofonico a RTL "Per quanto riguarda TFA e PAS, ha affermato che hanno "il pieno diritto di vedere riconosciuti i titoli acquisiti". "E questo avverrà nel bando concorsuale che entro quest'anno solare verrà emanato. Se hanno percorsi specifici o hanno fatto cose in più è chiaro – ha spiegato il ministro – che ciò verrà riconosciuto".

Tutto ciò al lordo di eventuali spostamenti degli abilitati nelle Graduatorie ad esaurimento, come già avvenuto a pieno titolo per alcuni diplomati magistrale entro a.s. 2001/02 e per alcuni abilitati TFA e PAS, per questi ultimi con riserva.

I lavori parlamentari

Tutto sulla riforma, con il testo del DDL

Versione stampabile
anief anief
soloformazione