Concorso a cattedra 2012: complicato lo scorrimento delle graduatorie dopo rinunce e decadenze

di Lalla
ipsef

Lalla – Dopo i chiarimenti forniti dal sindacato Snals alla fine di agosto, eravamo in attesa di un chiarimento ministeriale sulla possibilità di scorrimento delle graduatorie del concorso 2012 in caso di rinunce. I chiarimenti tardano ad arrivare e le amministrazioni sono paralizzate. Una docente ci racconta il caso del Trentino.

Lalla – Dopo i chiarimenti forniti dal sindacato Snals alla fine di agosto, eravamo in attesa di un chiarimento ministeriale sulla possibilità di scorrimento delle graduatorie del concorso 2012 in caso di rinunce. I chiarimenti tardano ad arrivare e le amministrazioni sono paralizzate. Una docente ci racconta il caso del Trentino.

Il chiarimento informale del sindacato Snals (29 agosto 2013)

  • possibilità di scorrimento delle nomine in caso di rinunce L’amministrazione, applicando quanto imposto dal MEF, ritiene che non si può procedere a scorrimento nei casi in cui un operatore scolastico già di ruolo accetti una nuova nomina in ruolo per l’anno scolastico 13/14. A seguito di una pressante azione della nostro sindacato, si è ottenuto, però, che, almeno nei casi in cui un docente opti, dopo aver accettato una prima nomina, per una successiva altra classe di concorso si debba procedere a scorrimento sul posto lascito libero.

Il caso trentino raccontato alla nostra redazione da una docente

"Il bando prevedeva l’assegnazione di 11 cattedre per la classe A050 (Lettere alle superiori) e 24 cattedre per la classe A043 (italiano, storia e geografia alla scuola media), per un totale di 35 cattedre. Alla fine del concorso sono state regolarmente stilate le due graduatorie distinte di vincitori, non tenendo però conto del fatto che nelle suddette graduatorie i nomi coincidono.

Come facilmente prevedibile, alla scelta delle cattedre è accaduto che i primi undici vincitori della A043, essendo appunto vincitori anche sulla A050, hanno scelto il ruolo su quest’ultima. In tal modo i rimanenti 13 vincitori sono stati, o saranno nei prossimi anni, immessi sulla A043.

Rimangono in questo modo 11 posti promessi dal bando e non assegnati.

Pareva ovvio che il Provveditore, accortosi della presenza dei medesimi candidati su ambo le classi e della rimanenza di undici cattedre, nominasse vincitori altri 11 idonei presenti nella graduatoria di idonei, ma a quanto pare così non è stato e tuttora la Provincia rifiuta di pronunciarsi in merito ad un’eventuale scorrimento della graduatoria. Addirittura dal Provveditorato fanno sapere a chi lo domanda che la scelta di assegnare le undici cattedre rimanenti non è per nulla scontata e che tali cattedre potrebbero semplicemente essere in futuro destinate ai docenti presenti sulle graduatorie provinciali."

La spiegazione

Il problema nasce dal fatto che la Provincia di Trento – ma lo stesso criterio hanno adottato anche altri USR – ha pubblicato contestualmente alla graduatoria l’elenco dei vincitori (inutile dire che per le classi di concorso raggruppate in ambito i nominativi coincidono).

A nostro parere tale scelta non era corretta, in quanto per decretare i vincitori bisogna scorrere la graduatoria fino al raggiungimento dei posti messi a bando, in relazione alle scelte dei candidati che precedono (assunzione da altra graduatoria o su sostegno, eventuale rinuncia all’incarico). 

D’altronde lo stesso DDG n. 82 del 24 settembre 2012 afferma all’art. 16 "Nel caso di rinuncia o decadenza dalla nomina di candidati vincitori il competente Ufficio Scolastico Regionale può procedere ad altrettante assunzioni di candidati secondo l’ordine della graduatoria concorsuale"

Concorso docenti 2012, graduatorie di merito. L’unico elenco in rete aggiornato al 11 settembre 2013. Graduatorie provvisorie Lazio

Versione stampabile
Argomenti:
soloformazione