Concorso ATA internalizzazione servizi pulizia: guida alla domanda

WhatsApp
Telegram

Concorso ATA, internalizzazione servizi di pulizia dal 1° marzo 2020. Come presentare domanda per partecipare alla procedura selettiva.

Ieri, 9 dicembre, è stato pubblicato il bando per la procedura concorsuale riservata ai lavoratori delle ditte appaltatrici di pulizia. Le assunzioni avverranno invece dal 1° marzo, con lieve slittamento rispetto alla data inizialmente prevista (1° gennaio).

Come presentare domanda

Le istanze possono essere presentate soltanto online, quelle presentate con modalità diverse non saranno prese in considerazione. La domanda di partecipazione può essere presentata fino alle ore 14 del 31 dicembre 2019, a partire dalla pubblicazione del bando sul sito internet del Miur e degli uffici scolastici regionali interessati.

I candidati possono accedere all’applicazione “Piattaforma Concorsi e Procedure selettive” previo possesso delle credenziali SPID, o in alternativa, di un’utenza valida per l’accesso ai servizi presenti nell’area riservata Miur tramite il servizio “Istanze on Line (POLIS)”.

I candidati quindi si collegano al sito www.miur.gov.it, accedono,
attraverso l’area “Ministero”, sezione “Concorsi” (Ministero > Concorsi > Procedura selettiva per la internalizzazione dei servizi), alla pagina dedicata alla procedura selettiva. E’ anche possibile alla pagina sopraddetta dedicata attraverso il bottone “vai al servizio” presente nella scheda relativa alla “Piattaforma Concorsi e Procedure selettive”, raggiungibile nell’area “ARGOMENTI E SERVIZI” > “SERVIZI ONLINE“. Nello spazio “presentazione domanda” i candidati possono trovare tutte le informazioni utili.

Per le informazioni sul servizio POLIS invece si possono seguire le istruzioni nella sezione dedicata.

La domanda di partecipazione alla procedura deve essere indirizzata all’Ufficio scolastico regionale competente per territorio e, a pena di esclusione, può essere presentata soltanto per l’Ambito territoriale della provincia in cui hanno sede le istituzioni scolastiche nelle quali il candidato presta la propria attività lavorativa al momento della presentazione della domanda.

Alla domanda i candidati devono anche allegare una fotocopia di un documento d’identità valido e del codice fiscale.

Dati da inserire

Le domande verranno sottoposte a verifica dagli Usr competenti. I dati richiesti sono i seguenti:

  • cognome e nome;
  • data e luogo di nascita con codice fiscale;
  • indirizzo di residenza, di domicilio, numero di telefono (facoltativo) e indirizzo e-mail o Pec. I recapiti sono importanti per ricevere le informazioni relative al concorso;
  • possesso della cittadinanza italiana ovvero della cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea.

Il partecipante dichiara inoltre:

  • di aver conseguito il titolo di studio richiesto;
  • di essere impegnato per almeno 10 anni, anche non continuativi, che includano comunque il 2018 e il 2019;
  • di non essere incluso nella graduatoria di cui all’articolo 1, comma 622, della legge 27 dicembre 2017, n. 205;
  • di non essere stato escluso dall’elettorato politico attivo;
  • di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica
    amministrazione per persistente insufficiente rendimento o dichiarato decaduto per aver conseguito la nomina o l’assunzione mediante la produzione di documenti falsi o viziati da nullità insanabile, ovvero licenziato ai sensi della vigente normativa di legge e/o contrattuale;
  • di non aver riportato condanne penali;
  • di non essere stato destinatario di sanzioni interdittive all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori, ovvero l’interdizione da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado;
  • di non aver riportato condanne penali per reati che costituiscono un impedimento all’assunzione presso una pubblica amministrazione.

Bando e requisiti

 

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito